Messina, D’Alia rilancia: dopo il Piemonte tocca al Regina Margherita

Il presidente dell’Udc chiede la restituzione della struttura alla città

Governo:D'Alia, elettori puniranno responsabili fallimentoLanciare il cuore oltre l’ostacolo e sfruttare la discussione sull’Ospedale Piemonte per riaccendere i riflettori sul futuro del Regina Margherita: è questa la proposta del presidente nazionale dell’Udc Gianpiero D’Alia, il quale mira a orientare il clima interlocutorio all’Ars sull’assetto generale del piano sanitario cittadino. L’ospedale sito nei pressi di viale Annunziata è infatti di proprietà della Regione: da qui l’idea di “scorporarlo” dal patrimonio palermitano mettendolo a disposizione di Palazzo Zanca. Quale sarà poi la mission della struttura – se essa sarà convertita in museo, in biblioteca o in Palagiustizia – D’Alia non lo dice a chiare lettere: si limita a parlare di una restituzione della stessa alla cittadinanza,  al fine di consentire una reale fruizione dell’ex nosocomio.