Mafia, mons. Nunnari: “la ‘ndrangheta è l’anti-Vangelo”

Salvatore NunnariLa ‘ndrangheta “e’ l’anti-Chiesa, e’ l’anti-Evangelo”. Lo afferma alla Radio Vaticana mons. Salvatore Nunnari, presidente della conferenza episcopale calabra e amministratore apostolico di Cosenza, dopo che i vertici della Conferenza episcopale della Calabria e una delegazione della Commissione parlamentare antimafia, guidata da Rosy Bindi, si sono incontrati ieri a Lamezia Terme. Al centro delle due ore e mezza di colloquio, gli strumenti messi in campo per combattere la ‘ndrangheta e l’impegno della Chiesa per condannare con fermezza un fenomeno che strumentalizza la fede, “anche quando in maniera subdola cercano di essere presenti in certi momenti, anche solenni, della nostra vita religiosa – penso per un istante alla processione, agli ‘inchini’”. “E allora, noi vescovi della Calabria, nel febbraio dell’anno scorso – dico febbraio dell’anno scorso, e lo dico sottolineandolo – abbiamo iniziato uno studio sulla situazione per redigere poi una nota pastorale”, spiega Nunnari. “Quando poi il Papa e’ venuto, il 21 giugno – ieri era l’anniversario – e’ venuto a Cassano e ha gridato con forza, addirittura comminando la scomunica contro gli ‘ndranghetisti, la nota era gia’ pronta – questa nota pastorale – che come vede ha un titolo: ‘Testimoniare il Vangelo’”, prosegue. La nota pastorale “non e’ ‘contro’ nessuno in particolare: e’ testimoniare il Vangelo per ritornare alla verita’. Agli ‘ndranghetisti abbiamo detto chiaramente: ‘Voi, con la Chiesa, non avete nulla a che fare! Pero’ la Chiesa vi aspetta’. La nota finale, infatti, e’ una nota di speranza: una nota di speranza per coloro che, rendendosi conto del male che stanno operando, del male in cui si trovano invischiati, possano anche ritornare. Pero’, anche qui ‘misericordia’ va coniugata con ‘giustizia’: un ‘no’ netto agli ‘ndranghetisti, un’apertura alla speranza perche’ gli ‘ndranghetisti possano tornare, dimostrando di fatto pero’ di essere persone che sono cambiate veramente”. Mons. Nunnari sottolinea che i legami tra ‘ndrangheta e Chiesa si devono spezzare “completamente”. “Abbiamo pensato, noi vescovi, di non lasciare soli i nostri preti – spiega -: devono sentire che c’e’ una Chiesa alle spalle, che c’e’ un vescovo! Allora, quello che stiamo elaborando adesso – e abbiamo gia’ in mano il testo – e’ come concretamente noi vescovi mettiamo delle linee comuni: per i funerali dei mafiosi, del padrino, e quindi la risposta da dare, i Sacramenti da concedere a questi mafiosi… Ci mettiamo d’accordo su delle linee comuni. Il decreto poi lo faranno i vescovi nelle varie diocesi. Questo e’ un documento che mi auguro venga al piu’ presto approvato: il giorno 30 ho convocato tutti i vescovi per discutere ancora di questo documento. Li’, in pratica, saremo anche concretamente operativi”.