L’orafo calabrese Michele Affidato espone all’Expo 2015

Tra le eccellenze nello spazio espositivo “Dal sapere al fare” della Regione Calabria

MICHELE AFFIDATODopo il successo ottenuto durante l’esposizione tra le teche ed i reperti del Museo Archeologico Nazionale di Crotone, la mostra orafa “Percorsi di una Storia Preziosa – L’evoluzione del gioiello dalla Magna Grecia ai nostri giorni” del maestro Michele Affidato è pronta al grande salto ed approderà il prossimo 26 giugno all’Expo di Milano. Sono stati circa 7000 i visitatori che hanno apprezzato la mostra nel museo di Crotone e, vista l’affluenza, è stata prorogata una parte della stessa che resterà in esposizione per tutta l’estate. Le creazioni orafe di Affidato, che raccontano la nostra storia attraverso quella dei gioielli, saranno dal 26 al 28 giugno a Expo 2015 nello spazio espositivo “Dal sapere al fare” della Regione Calabria, dedicato ai maestri artigiani calabresi. Tra le eccellenze che rappresenteranno la Calabria nella più grande vetrina internazionale del momento non poteva mancare il maestro Michele Affidato, conosciuto ed affermato orafo, che esporrà alcune  delle sue particolari creazioni di oreficeria. Anche il pubblico internazionale che dal mese di maggio sta affollando gli spettacolari padiglioni dell’Expo di Milano, dedicato non solo all’alimentazione ma a tutte le eccellenze mondiali, avrà la possibilità di ammirare gli splendidi gioielli nati dall’estro e dall’ispirazione personale del maestro orafo calabrese che nei giorni di esposizione, ed in particolare nella giornata del 27 giugno, sarà presente in uno spazio allestito dove, attraverso progetti grafici e vari elementi di oreficeria, spiegherà tutto il percorso di realizzazione di un gioiello dalla fusione dell’oro al gioiello finito ed ancora approfondirà insieme ai visitatori l’evoluzione del gioiello nel tempo. Nello spazio espositivo, che sarà inaugurato il 26 giugno del Governatore della Regione Calabria Mario Oliverio, oltre alla presenza delle eccellenze calabresi, ci saranno degli incontri con lo scrittore Carmine Abate, Francesco Bevilacqua e Vandana Shiva, ambientalista indiana, uno dei volti di Ambassador per Expo Milano 2015 che nel 1993 ha ricevuto il Right Livelihood Award.