La Calabria va a rotoli affossata dagli scandali e Oliverio mangia pesche all’Expo [FOTO]

Lo scandalo “Rimborsopoli” che ha sostanzialmente azzerato la mini-giunta Oliverio non ha tolto il buon umore al governatore, che all’Expo di Milano ha inaugurato i padiglioni (con due mesi di ritardo) e “mangiato pesche”

OliverioDanze e canti festosi, con ballerini vestiti con gli abiti tradizionali e gruppi folkloristici a far divertire i visitatori. E’ così che ieri la Regione Calabria ha voluto celebrare le iniziative che, sino al 2 luglio, animeranno lo spazio espositivo sulle tematiche “Calabria Handmade, dal sapere al fare“. Numerose le attività in programma, dall’esposizione di prodotti tipici come frutta e ortaggi, olio d’oliva, pane e vino, ma anche creazioni dell’artigianato e cioè i ricami, ceramiche artistiche, cesti intrecciati e gioielli d’oro e pietre preziose. Il programma ha previsto anche l’inaugurazione dello spazio dedicato ai vini calabresi all’interno del padiglione del vino. I migliori rossi, bianchi e rosé calabresi arricchiranno lo spazio, cogliendo al tempo stesso la possibilità di farsi apprezzare a livello internazionale. Queste celebrazioni si sono intersecate con lo scandalo “rimborsopoli” che ha scosso la Regione Calabria, con la giunta del governatore sostanzialmente azzerata tra arrestati e indagati. In questo caos cosmico, Mario Oliverio non ha perso il buonumore: ha presenziato (giustamente) alle iniziative, facendosi ritrarre mentre mangiava le pesche con la nota attivista ambientalista indiana Vandana Shiva. Forse avrebbe fatto meglio a dare maggior risposte sul terremoto politico che tramortiva la Regione ed a tenere un comportamento meno goliardico per rispetto dei cittadini nauseati dallo schifo fuoriuscito dalle indagini della Procura di Reggio.