Il reggino Maurizio Condipodero eletto nuovo Presidente del CONI Calabria [FOTO]

Maurizio Condipodero nuovo Presidente del CONI Calabria: “lo sport è prima di tutto lealtà”

Maurizio Condipoderodi Nino Neri - Ha vinto la linea Mimmo Praticò. Infatti è Maurizio Condipodero il nuovo Presidente Regionale del Coni Calabria. Ha prevalso di un solo voto 26 a 25 sullo sfidante Pino Abate di Cosenza. C’è voluta la seconda votazione dopo che nel primo turno i voti si sono equivalsi 25 per parte affinché il Presidente della Federazione Baseball diventasse il nuovo Presidente del Coni. Alla votazione era presente il segretario del Coni  Roberto Fabbricini che ha dichiarato  “questa Regione  esprime una condizione di difficoltà per quanto riguarda l’impiantistica sportiva ed il rapporto con gli Enti Locali. Noi auspichiamo che da questo momento in poi possa emergere una grande coesione e spirito unitario dal nuovo governo del Coni Regionale che tra poco sarà eletto e che dovrà completare il mandato dei 18 mesi rimasti. Voglio sottolineare – ha concluso Fabbricini- che il valore della dialettica è fondamentale ma non bisogna mai scivolare nella bagarre”.

maurizio condipodero 02Per il neo Presidente adesso la priorità da affrontare  riguarda l’impiantistica sportiva che al momento vede  la Calabria fanalino di coda.  “Lo sport è innanzitutto lealtà” ha dichiarato subito dopo la vittoria Condipodero.  ”Lealtà nei confronti dei compagni di squadra, degli avversari degli arbitri ed infine di se stessi. Non capisco il tradimento  che purtroppo sempre più spesso inquina i rapporti personali anche nel mondo dello sport.  Credo nelle persone che si guardano negli occhi e che attribuiscono   valore alla stretta di mano e alla parola data.  Non so  altri possono dire la stessa cosa . Nella mia visione dello sport in Calabria – conclude Condipodero - con sede Regionale del Coni che non si muoverà da Reggio calabria, avrà come protagoniste tutte e cinque le province. Nessuno sarà escluso anzi l’obiettivo è quello di dar maggiore spazio a quei territori che fino ad oggi sono stati sacrificati. Inizierò il mio mandato aprendo le porte del Coni a tutte quelle cosiddette discipline minori che comunque contano migliaia di praticanti. Voglio anche sottolineare che e’ mio intendimento favorire un metodo di governo dell’ente assolutamente condiviso e coinvolgerò tutti in questo senso, a partire dal mio antagonista, per aprire una discussione seria ai fini della ristrutturazione e del potenziamento dell’impiantistica sportiva in Calabria“.

Pino Abate, da parte sua, ha detto che “il risultato e’ straordinario e da uomo di sport voglio subito riconoscere il merito all’avvocato Condipodero di avere saputo finora lavorare bene. Con altrettanta determinazione sportiva voglio assicurare il mio impegno piu’ totale all’interno del nuovo Comitato di gestione affinche’ prevalga l’unita’ di intenti e la chiarezza degli obiettivi, a partire dalla promozione delle discipline sportive e dallo stimolo verso i giovani a partecipare attivamente allo sport, che e’ indubbiamente vita sociale“.