Enzo Amodeo, professionalità al servizio della città: “per Reggio sono pronto a rimboccarmi ancora le maniche”

Il cardiologo reggino Enzo Amodeo potrebbe diventare il nuovo primario del Pronto Soccorso degli Ospedali Riuniti: “se me lo chiedessero, dopo regolare concorso, ci penserei. Ma per Reggio sono pronto a rimboccarmi ancora le maniche”

Enzo AmodeoUna storia di impegno e professionalità al servizio della città: il cardiologo Enzo Amodeo, raggiunto da StrettoWeb in merito ai rumors secondo cui potrebbe diventare il nuovo primario del Pronto Soccorso degli Ospedali Riuniti, smentisce ogni voce. “In questa città si parla troppo spesso per sentito dire, il sistema di gettare fango sulla gente per bene non può essere nè accettato nè condiviso. Per i nuovi primari bisognerebbe bandire dei bandi pubblici; qualora venissero banditi, e qualcuno mi chiedesse di impegnarmi ancora per Reggio Calabria mettendomi al servizio della mia città, io ci penserei e potrei farlo. Fare il primario del Pronto Soccorso di Reggio, oggi, farebbe venire la febbre gialla a chiunque. Sarebbe un incarico molto difficile e delicato. Ma io sfido chiunque a venire da me e dire di essere stato trattato male dal sottoscritto in Ospedale; se è successo a uno solo, gli chiederò scusa perché evidentemente non l’ho fatto apposta“.

Enzo AmodeoLa sua professionalità, così come la competenza e umanità, vengono riconosciute da tutti coloro che hanno avuto a che fare con Amodeo sia dal punto di vista umano che professionale. Ha dato tanto a Reggio, e non ha intenzione di smettere anche adesso che potrebbe andare in pensione e dedicarsi alle attività private, sicuramente più remunerative e meno seccanti.

Oltre a questo, in un mondo – quello della sanità reggina e calabrese – purtroppo condizionato anche dalle clientele e dalle incompetenze, Amodeo è certamente uno dei pochissimi ad avere i titoli adeguati al Pronto Soccorso, lui che da specialista nella gestione del dolore toracico acuto già da tempo riesce a supplire alle mancanze dell’attuale Pronto Soccorso riuscendo in molti casi a salvare la vita delle persone. Stimato e apprezzato da tutti perché ha sempre svolto la sua professione tendendo la mano a chi ne aveva bisogno, Amodeo potrebbe essere indicato per risollevare il Pronto Soccorso reggino che avrebbe bisogno di un drastico rinnovamento, riproponendo il suo egregio lavoro già attuato nel reparto di cardiologia. “Mi sono sempre schierato dalla parte della mia città, io che sono un professionista, un medico che va in giro per il mondo in tutti i continenti e porta sempre la bandiera di Reggio Calabria, io che sono un uomo di sinistra e che mi dedico anche alla politica ma sempre nell’interesse di Reggio e dei reggini. Se potrò essere utile alla mia città, lo farò ancora“.