Emergenza migranti: altro che “destra italiana”, Maroni e Toti giocano sulla pelle del Sud

Il governatore della Lombardia chiude ai profughi, ma quando era Ministro…

Roberto Maroni - Foto LaPresse

Roberto Maroni – Foto LaPresse

Diciamo la verità: il Sud è un gigantesco serbatoio di voti per la Lega, almeno sotto il profilo potenziale. Quando però si tratta di difendere gli interessi politici dei meridionali, il Carroccio riscopre la sua verve nordista, torna in trincea predicando l’egoismo territoriale, e tanti saluti agli ingenui che acclamavano l’Alberto da Giussano quale liberatore de noantri.

Renzi e Toti - foto LaPresse

Renzi e Toti – foto LaPresse

Gli interventi a gamba tesa in tema di accoglienza offerti dal pulpito televisivo da Maroni, Zaia e Toti hanno ben mostrato come l’egoismo di parte possa prevalere sulle ragioni dell’interesse nazionale, un dato curioso al netto della retorica patriottica usata tanto al chilo. I migranti – dicono all’unisono i governatori – sono fin troppi, per cui d’ora in avanti quanti sbarcheranno sulle coste siciliane o sulle sponde calabresi dovranno sapere che al Nord non c’è posto per nessuno di loro. E pazienza se il Mediterraneo è un cimitero, se a Lampedusa gli stessi sono stipati, se Messina, Catania e Reggio sono teatri di un esodo di massa. Affaracci di chi sporge sul mare, è la risposta fra le righe offerta dalla destra italiana.

Maroni in questa campagna è stato sottile: ha detto che nella giornata di oggi indirizzerà una “lettera ai prefetti diffidandoli dal portare in Lombardia nuovi clandestini“, quasi che i funzionari del Governo fossero scafisti. Di più: ai sindaci che coltivano ancora un briciolo di umanità, ai primi cittadini che non si rassegnano a questo odioso clima di sciacallaggio elettorale, verranno tagliati “i trasferimenti regionali come disincentivo“. Insomma, sotto a chi tocca: il Nord non vuole rogne e non fa spese.

migranti a Reggio - foto LaPresse

migranti a Reggio – foto LaPresse

Queste boutade sarebbero meno ridicole se Bobo Maroni nella sua carriera politica fosse stato coerente: sì, perché quando il Governatore lombardo si trovava al Viminale ed incassava le proteste degli enti locali, ebbe a manifestare tutta la sua ritrosia innanzi a certe polemiche: “Sono rimasto male impressionatodichiarava l’allora Ministro leghistaper l’atteggiamento di alcuni amministratori locali che ufficialmente mostrano buona volontà e poi sottobanco cercano motivi per evitare di essere coinvolti. I governatori decideranno dove alloggiare i migranti d’intesa con Province e Comuni e se ci saranno rifiuti, allora saremo noi a individuare le aree. Io sono un fautore della condivisione di queste scelte impegnative, ma se questo non è possibile, e soprattutto di fronte a una situazione di emergenza che riguarda profughi che scappano dalla guerra in Libia, saremo costretti ad agire d’imperio“.

Poiché l’emergenza non è mutata, anzi la guerra civile in Libia è divenuta devastante, l’unica cosa ad essere cambiata è la collocazione politica della Lega, non più forza di governo ma movimento populista di opposizione, disposto a strumentalizzare ogni bazzecola pur di portare acqua al proprio mulino.

Non è la durezza o la mancanza di tatto denunciata da Leoluca Orlando ad impressionare. L’atteggiamento dei leghisti nei confronti di qualunque flusso migratorio è noto ai più: ciò che colpisce è lo spirito menzognero di simili esternazioni. migranti dati distribuzione ministero internoLa Lombardia, secondo i dati forniti dal Ministero dell’Interno, accoglie il 9% dei migranti – che Maroni impropriamente definisce “clandestini” – mentre il 21% resta in Sicilia ed il 13% va nel Lazio. Questo primato dei meneghini, carte alla mano proprio non si vede. Di più: la polemica ingaggiata da Toti molto rivela sugli equilibri nell’ex area moderata: la Liguria ospita appena il 2% di disperati, eppure il neo-governatore ha avvertito subito l’esigenza di mettere le cose in chiaro, d’indirizzare a Roma una dura reprimenda per spiegare che Genova praticherà la tolleranza zero. E’ evidente come lo slittamento a destra dell’elettorato, in favore della componente leghista, abbia ormai irretito la classe dirigente forzista. Ciò che gli accoliti di Berlusconi dimenticano, però, è che mentre lo zoccolo duro di via Bellerio si è sempre steso fra Trento e Milano, il fu partito liberale di massa attraeva grossissimi consensi anche in Campania, Calabria e Sicilia, quest’ultima terra del 61 a 0. Adesso tale consenso non è più scontato: Forza Italia fa da stampella alla Lega e abbandona il Sud. Perfino Fitto, rispetto a Toti, sembra David Cameron.