Elezioni comunali, il centro/sinistra festeggia per Scilla e Santo Stefano in Aspromonte: i risultati

A Santo Stefano netta affermazione di Francesco Malara; a Scilla vince Pasqualino Ciccone

malara francescoFrancesco Malara è il nuovo Sindaco di Santo Stefano in Aspromonte. O meglio, Francesco Malara è di nuovo Sindaco di Santo Stefano in Aspromonte, lui che aveva guidato il centro aspromontano negli anni ’90 fino allo scioglimento per ‘ndrangheta del 1998. Malara è stato poi assolto “perché il fatto non sussiste” e adesso il centro/sinistra l’ha ricandidato e Rosi Bindi non ha risparmiato le proprie frecciatine: “Vedremo come finirà inCalabria, dove ci sono personaggi di amministrazioni già sciolte per mafia che sono pronti a ricandidarsi e sono a posto dal punto di vista giudiziario. Ma sappiamo che sono parenti o vicini a certi ambienti. Se avessimo trovato la ricetta per intervenire in maniera efficace anche su questi casi avremmo trovato la soluzione a tutti i nostri problemi“.

In Calabria è finita che Malara ha vinto, anzi ha stravinto: 67,77% delle preferenze con 633 voti, al di sopra di ogni più rosea aspettativa, a fronte del deludente flop di Sonia Romeo, prima candidata a Sindaco donna per un paese come Santo Stefano. La sua lista s’è fermata a 301 voti, il 32,22%.

oliverio cicconeAnche a Scilla, il delizioso borgo della Costa Viola, festeggia il centro/sinistra: nonostante i due scioglimenti del comune negli scorsi anni e il dissesto finanziario certificato dai commissari liquidatori, la famiglia Ciccone continua a sedersi sulla poltrona più importante di piazza San Giorgio. Stavolta è Pasqualino Ciccone ad essere Sindaco, fratello di Gaetano: ha ottenuto 1.558 voti pari al 47,31% delle preferenze. Staccati gli altri due avversari: Francesco Santacroce 891 voti pari al 27,05% e Domenico Mollica 844 voti pari al 25,63%.