Danza: Micha van Hoecke debutta a Messina con un omaggio a “Paris”

Micha van HoeckePunta sulla danza la nuova stagione del Teatro Vittorio Emanuele di Messina, in controtendenza con quanto avviene negli altri teatri della penisola. Alla guida del neonato Ensemble siciliano, ‘Poiesis’, il coreografo di origine russa Micha van Hoecke, che venerdi’ prossimo debutta con il suo nuovo spettacolo ‘Comme un souvenir… Revoir Paris’. Dopo aver diretto il Corpo di ballo del Teatro dell’Opera di Roma e passato il testimone all’étoile dell’Opéra di Parigi, Eleonora Abbagnato, Micha van Hoecke ritorna alla creazione con uno spettacolo che celebra la Belle Epoque francese tra musiche, danza e canzoni firmate Montand, Piaf, Charles Aznavour. Guest dei suoi ‘souvenirs’ Denis Ganio, già stella acclamata nella compagnia di Roland Petit, accanto a Giovanni Renzo, pianista e compositore, Adele Tirante, attrice e cantante, ai danzatori Marta Capaccioli, Rimi Cerloj, Yuri Mastrangeli, alla stilista siciliana Marella Ferrera che ha curato, per l’occasione i costumi. Venticinque i danzatori scelti da van Hoecke e da Miki Matsuse, moglie e braccio destro del maestro belga, su oltre 300 ragazzi che si erano presentati alla selezione a Messina. ‘Comme un souvenir’ sarà replicato il 26 giugno a Furnari-Portorosa all’Arena Vittorio Emanuele, mentre il 30 giugno sarà in cartellone al Teatro di Verdura di Palermo, prima tappa di una collaborazione pluriennale tra Micha van Hoecke e il Teatro Vittorio Emanuele. Van Hoecke sta infatti già preparando i prossimi debutti. Il 26 agosto al Teatro Antico di Taormina andrà in scena ‘Physis’, dall”Orpheus’ di Igor Stravinskij alla ‘Pastorale’ di Beethoven, con l’Ensemble diretto da van Hoecke accanto al Balletto del National Theatre Belgrade. Si tratta di una produzione del Teatro Vittorio Emanuele che l’8 ottobre, inaugurerà, la stagione invernale a Messina. Tra gli altri appuntamenti con la danza, il 17 dicembre in programma lo ‘Schiaccianoci’ ciajkovskiano affidato alla coreografia di Micha van Hoecke e Denis Ganio, mentre il 14 gennaio ritorna in scena ‘Callas: la voix des chose’, uno dei successi dell’Ensemble di van Hoecke. Centinaia di repliche, in Italia e in tournée nel mondo, uno dei balletti più applauditi, che ha rappresentato l’Italia nell’ambito di prestigiosi appuntamenti internazionali, dalla Cina alla Russia con tappa a Pietroburgo. Il 25 maggio, poi, a chiusura della stagione del Teatro Vittorio Emanuele, in programma ‘Carmen’ il capolavoro di Bizet rivisitato, riorchestrato per l’Ensemble siciliano da van Hoecke.