Calabria: “un’interpellanza a Delrio e Renzi per far ripartire le opere infrastrutturali”

Caridi: “ho chiesto al Ministro delle infrastrutture Delrio e al Presidente del Consiglio Renzi quali sono gli interventi che il Governo intende adottare per far ripartire le opere infrastrutturali in Calabria”

foto LaPresse

foto LaPresse

Ho chiesto al Ministro delle infrastrutture Delrio e al Presidente del Consiglio Renzi quali sono gli interventi che il Governo intende adottare per far ripartire le opere infrastrutturali in Calabria. I fondi ci sono, gli interventi da fare sono stati individuati, adesso è fondamentale agire subito.” Lo afferma in una nota il Senatore Antonio Caridi, membro del gruppo Grandi Autonomie e Libertà. “La Calabria vive un forte disagio sociale – afferma il Senatore – 27% di famiglie povere, 20% di disoccupazione, un reddito pro capite tra i più bassi d’Italia. L’edilizia è uno dei settori più colpiti con un calo di circa il 60,9% delle richieste di permessi per costruire nel periodo che va dal 1995 al 2012. In forte discesa anche l’occupazione che, secondo i dati Ance, nei primi nove mesi del 2014, si è attestato sul -11,4%, ovvero quasi il triplo rispetto al dato nazionale ( -4,1%). Il Fondo di Sviluppo e Coesione per il 2014/2020, che prevede la realizzazione di opere infrastrutturali, ha destinato circa 3 miliardi e 200 milioni di euro per la Calabria per interventi su specifiche priorità che il Governo ha individuato nel rischio idrogeologico, nell’edilizia scolastica, sulle infrastrutture e sulla riqualificazione urbana. L’Ance Calabria e gli Enti Locali hanno individuato circa 300 possibili interventi sulla riqualificazione urbana che hanno la caratteristica di essere “immediatamente cantierabili” e che sono capaci di generare investimenti per oltre 1 miliardo e 500 milioni di euro. Ho chiesto al Ministero delle infrastrutture – continua Caridi – che questi possibili 300 interventi possano essere inseriti nel Fondo di Sviluppo e Coesione 2014/2020 che dovrebbe essere licenziato a breve dal CIPE. Il Governo dovrà farci capire se ritiene o meno di dover intervenire per realizzare le tante opere infrastrutturali di cui la Calabria ha bisogno e che avrebbero un impatto positivo e di rilancio per la nostra economia.”