La bufala di Azzurro: l’arrivo di Renzi al G7

Nessun “caso italiano”: ogni rappresentanza è stata accolta da una canzone popolare

Matteo Renzi - foto LaPresse

Matteo Renzi – foto LaPresse

I principali siti d’informazione hanno stravolto una notizia vera fino a renderla falsa. Sì, durante il G7 in Germania il premier italiano è stato realmente accolto dalle note di “Azzurro”, la celebre canzone popolare scritta da Paolo Conte ed interpretata da Adriano Celentano. Ma non è stato un trattamento “sui generis”, né si è trattato di un’umiliazione per il Belpaese. Tutti i capi di governo, infatti, sono arrivati in Baviera al ritmo delle canzoni rappresentative che, per una volta, hanno sostituito gli inni: nessun’immagine stereotipata dunque, nessun trattamento da macchietta. Solo l’ennesimo cortocircuito mediatico.