Asp di Messina: FP CGIL contro la poca trasparenza dell’azienda ospedaliera “targata” Sirna

La poco trasparente gestione dell’Asp Messina “targata” Sirna, ancora nel mirino della FP CGIL

ospedale-papardo-messinaPer la segretaria generale della FP CGIL, Clara Crocé e per il coordinatore provinciale Antonio Trino, il direttore generale Sirna, “al confronto costruttivo con il sindacato finalizzato al miglioramento dei servizi dell’azienda sanitaria, preferisce le luci delle ribalta a mezzo stampa”. Esposto della FPCGIL presentato all’Assessore Borsellino e alle autorita autorità competenti.

Dove non arrivano i normali canali di comunicazione tra management e organizzazioni sindacali, arriva la stampa. O meglio è a quest’ultima che ha ben pensato di rivolgersi il direttore generale dell’azienda sanitaria provinciale, Gaetano Sirina, per rispondere ai molteplici solleciti inviati in queste settimane dalla segretaria generale della FP CGIL, Clara Crocé e dal coordinatore provincia, Antonio Trino. “Un atteggiamento che conferma – scrivono i sindacalisti – come per il manager sia più importate provare a salvare la faccia pubblicamente, piuttosto che dare risposte concrete nel merito dei problemi”.

Nel difendersi dalle accuse di mancanza di trasparenza mosse dalla Funzione pubblica della CGIL, il manager fornisce delle motivazioni che per i sindacalisti sono però prive di strutture. “Ma soprattutto – evidenziano – preoccupa non poco scoprire che colui il quale dovrebbe essere pienamente consapevole del funzionamento e dell’organizzazione dei servizi dell’azienda, mette in atto delle scelte che invece dimostrano l’esatto contrario”. A tal proposito, la vicenda più recente, nonché più emblematica, riguarda il laboratorio di Sanità pubblica, recentemente sguarnito di ulteriori figure spostate all’Unità di patologia clinica di BarcellonaP.G., dove viene però svolto un’attività del tutto diversa.

IN POLICLINICO MESSINA ALTRA INCHIESTA SU MORTE DONNA 27/8“Non si può spogliare la Chiesa per vestire la Sacrestia – ribadiscono Crocè e Trino – e non si può semplicemente dire che, a fronte di tali spostamenti, non si può assumere per via dei vincoli assessoriali. Anche perché se non si può superare la spesa, bisognerebbe capire come mai siamo al limite della stessa (assunzioni di altre figure, mantenimento di servizi meno importanti o cosa). Lo svuotamento di funzioni del LSP cui fa riferimento il dr Sirna, è fin troppo generico in quanto, per quanto a conoscenza nostra, non esistono disposizioni assessoriali che incidono negativamente sulle attribuzioni istituzionali del LSP stesso. In atto sono molteplici le attività garantite da questa struttura e che, forse, lo stesso manager ignora. Molto di più, ad esempio, si potrebbe fare, in un ottica di prevenzione della salute pubblica (principio costituzionalmente garantito), se il Manager completasse l’iter procedurale di accreditamento delle prove relative al controllo delle matrici alimentari alla norma ISO/IEC 17025:2005!”.

Alla luce della mancanza che interessano il laboratorio, i sindacalisti si domandano come sia possibile garantire alcune fondamentali funzioni attribuite all’ufficio:
1) chi effettua i controlli delle mense scolastiche e più in generale della ristorazione pubblica e collettiva dove i nostri figli mangiano!
2) dove vengono inviate le analisi che il LSP è impossibilitato ad effettuare per le motivazioni di cui sopra e con quali spese?
3) come si garantisce il controllo della qualità dell’aria negli ambienti confinati (sale operatorie, terapie intensive, rianimazioni, ecc) se il servizio viene depauperato di risorse umane? A tal pro si chiarisce che i controlli fatti “in house” dai singoli Presidi Ospedalieri , non sono identici a quelli fatti dal laboratorio di analisi pubblica, sicuramente più performanti sotto un aspetto qualitativo.
4) come si potrà garantire l’importantissimo servizio di controllo delle acque di balneazione di tutta la provincia espletato dal LSP a tutela della salute pubblica e di fondamentale importanza anche, trasversalmente, per l’economia locale visto che la qualità certificata delle acque di balneazione, diramata attraverso le istituzioni nazionali e comunitarie, riesce a convogliare interessi migratori turistici verso le nostre aree?
5) secondo quale logica si ridimensiona di fatto tale servizio, se, così come emerso da notizie stampa, da quest’anno le ASP avranno a disposizione un milione di euro ciascuna per ogni anno per l’implementazione di interventi sanitari finalizzati alla cura ed alla prevenzione delle malattie da inquinamento ambientale riconosciuti dalla giunta regionale?
6) che fine hanno fatto i fondi ex art. 20 L. 67/88 (€ 800.000,00) stanziati espressamente per il LSP di Messina, giusto Documento Unitario di Programmazione degli Investimenti Sanitari in Sicilia emanato dal Dipartimento Regionale per la Pianificazione Strategica dell’Assessorato della Salute (intervento n. 36)!

ospedale papardo messinaUna serie di interrogativi che i sindacalisti avrebbero preferito rivolgere di presenza al direttor Sirna, il quale, però, “preferisce uno sterile non confronto a mezzo stampa, per nulla costruttivo, o almeno non rispetto ad uno obiettivo di funzionamento dell’azienda sanitaria”. Per quanto riguarda, Infine, il dipartimento di riabilitazione e le relative problematiche, il prossimo 12 giugno si discuterà c/o il Giudice del Lavoro il ricorso per comportamento antisindacale proposto dalla FPCGIL, incentrato, appunto, sul mancato confronto con il sindacato messo in atto dal direttore attraverso l’utilizzo improprio della mobilità d’urgenza che ha visto, purtroppo, i dipendenti spostati anche a centinaia di Km dal proprio posto di lavoro per andare a sopperire fantomatiche esigenze (sicuramente non urgenti!) a San Teodoro, piccolo paesino di circa 1000 anime, attingendo da Messina e non da posti più vicini e con notevole esborso di denaro pubblico per le dovute trasferte ai dipendenti. “Sarà il giudice del lavoro – concludono Croce e Trino - a decidere sul comportamento tenuto sull’intera vicenda dal Dg Sirna, fermo restando che sulla gestione della vicenda la Fpcgil ha inoltrato formale esposto all’Assessore Borsellino e alle autorità competenti in ballo la salute dei nostri figli e dei cittadini messinesi”.