“A REGGINA ill’ottantottu”: la commovente storia di un tifoso che ritrova i suoi idoli e gli regala una bellissima poesia [FOTO]

La storia di Carmelo Merenda, un grande tifoso della Reggina che ieri ha ritrovato i suoi idoli della “Banda Scala” e gli ha dedicato una splendida poesia

Reggina Carmelo Merenda 88 (5)

Quella di Carmelo Merenda è una storia bellissima, e il fatto che sia un caro amico di chi scrive non c’entra proprio nulla. Carmelo è un grandissimo tifoso della Reggina, più che della Reggina è un grandissimo tifoso di Reggio Calabria, un reggino doc che segue tutte le vicende della città con trepidazione e particolare attenzione, nella speranza di consegnare ai suoi figli un futuro migliore nella città in cui sono nati. Tifoso sfegatato, ieri ha ritrovato la “Banda Scala”, i suoi primi idoli amaranto, gli eroi che quando era piccolo (ha 34 anni) lo fecero innamorare di questa maglia. Baci, abbracci e lacrime al Granillo. Poi, stamattina, l’incontro in albergo e la consegna di una poesia scritta proprio da Carmelo e dedicata a quella squadra:

A REGGINA ill’ottantottu era n’armata
undici liuni ogni duminica ravunu u cori
ma fu puru na squatra spurtunata
a serie A nda negaru sulu i rigori.
Passaru quasi trent’anni e ancora ndi ricurdamu
i ddhi giuvinotti chi pa REGGINA ficiru tantu
e oggi nda stu palluni malatu chi mancu ndu vardamu
iddhi pi nui sunnu sulu nu vantu.
Erunu na famigghia vera, forti
nto campu parivunu na motopala
ivumu e vincivumu a tutti i parti
u Patri i sta famigghia si chiama Neviu Scala.
E nostri figghi nci putimu cuntari
i na squatra vera e china i valori
chidda chi ogni TIFOSU nto cori ll’avi a purtari
e chi mi si descrivi non avi paroli.
FORZA REGGINA!!!

Reggina Carmelo Merenda 88 (1)I calciatori l’hanno apprezzata al punto che la stanno firmando tutti per conservarla come un ricordo straordinario dell’amore di questa città per quello che hanno rappresentato. “E’ il regalo più bello“, mi confida Carmelo. “Mi è passata anche la febbre, non so spiegare la gioia che sto provando“. Addirittura dopo che Giuseppe Bagnato l’ha postata su facebook taggandolo e ringraziandolo, Carmelo s’è lasciato andare ad un “ora posso anche morire“.

Tra l’altro la poesia è bellissima.

Complimenti, Carmelo! Grande cuore amaranto.