Roma è la capitale di furti, borseggi e spaccio [I DATI]

Roma capitale dei furti e del borseggio (+75% negli ultimi 3 anni), grande piazza dello spaccio (+43%)

furtiRoma capitale dei furti e del borseggio (+75% negli ultimi 3 anni), grande piazza dello spaccio (+43%). Cresce l’insicurezza: la mappa della paura si articola tra piazza Vittorio e i dintorni delle stazioni Termini, Tiburtina e Ostiense. All’Esquilino il primato dell’insicurezza. Solo l’8% dei romani pensa che i vigili siano pienamente efficienti. E in vista del Giubileo il 43% ha paura del terrorismo internazionale. Sono i risultati del 1° numero del diario “Roma verso il Giubileo” del Censis, che ha l’obiettivo di cogliere e descrivere i principali temi nell’agenda cittadina in vista dell’Anno Santo. Proprio in vista del Giubileo – secondo il rapporto del Censis – è il terrorismo internazionale la minaccia globale che preoccupa di più i romani. Fa paura al 43% dei cittadini, più della crisi economica internazionale (39%), dei rischi climatici che potrebbero causare catastrofi naturali (34,8%), delle guerre legate alle diversità religiose e culturali (26,7%), della perdita di competitività della città (21%), delle ondate migratorie provenienti dai Paesi poveri o dai teatri di guerra (19,9%), del ritorno di malattie un tempo debellate o endemiche (15,5%).