Reggio: “Villa Zerbi torni ai fasti di un tempo non lontano”

Una nota stampa di Maria Cristina Nucera, del Coordinamento Reggio Futura, sulla manifestazione di sabato prossimo, “Illuminiamo Villa Genovese Zerbi”: “Auspichiamo una massiccia presenza di cittadini ed  operatori culturali” 

cristina nucera foto“Sabato 23 maggio 2015 a Reggio Calabria, si terrà una manifestazione dal titolo ‘Illuminiamo Villa Genoese Zerbi’. Il raduno è previsto per le 19.00 in via Zaleuco, dove avrà luogo una fiaccolata di protesta contro lo stato di abbandono ed incuria dell’importante edificio storico, un tempo icona di stile ed eleganza architettonica ed orgoglio di un’intera città.  Il nostro è un appello accorato alla cittadinanza, affinché non dimentichi, non si rassegni, ma inizi a pensare a desiderare il cambiamento”.

Così una nota stampa di Maria Cristina Nucera, Coordinamento Reggio Futura, che continua:

“Non sappiamo quanto ci vorrà, ma iniziamo ad agire con motivazione e passione. Numerosi sono stati gli eventi culturali promossi nelle sale di Villa Zerbi che tanto ci hanno emozionato. Iniziative attraverso le quali la nostra città è diventata meta del turismo nazionale ed internazionale. Vorremmo che si ripartisse da qui, riscoprendo il senso di appartenenza alla propria città e il desiderio di concorrere a ridarle dignità e luce, luce non dell’apparire, ma dell’essere terra unica e meravigliosa. 

Chiediamo l’impegno di tutti, affinché questa città torni a risplendere e che non sia più fanalino di coda, una Cenerentola, ma polis dalle mille potenzialità espresse, una caldaia in sempre eterno bollire di idee. Vogliamo che le parole si traducano in fatti, i fatti in progetti tangibili e realizzabili, per contribuire a superare le mille difficoltà della città e della nostra gente che ha ancora voglia di futuro, che crede ancora nei suoi uomini e nelle sue donne, in tutti coloro che, quotidianamente, urlano il loro NO alla rassegnazione ed all’incapacità di gestione di una città che ancora brancola nel  buio.

Villa Zerbi (3)Tutto il nostro impegno a poco servirà,  tuttavia, se non vi sarà una reale consapevolezza delle responsabilità di tutti e di ciascuno, nella costruzione di una nuova e forte identità, anche culturale che si alimenti dei successi del passato e guardi con fiducia al nuovo che avanza. Il cammino di rinascita, da noi intrapreso, richiede entusiasmo, ma anche progettualità e condivisione.  Sarà fondamentale il ruolo svolto da tutte le forze sociali, in quella che deve essere una definitiva maturazione della necessità di un sostanziale cambiamento. Reggio può farcela – conclude Maria Cristina Nucera – deve farcela, archiviando questa stagione infelice. Ma bisogna cominciare, e cominciare bene sin da subito. Quindi ….Illuminiamo Villa Zerbi, riaccendiamo la speranza in ognuno di noi. Amiamo questa città di un amore gratuito, potenziale ed esponenziale, perché lo merita e perché è qui che i nostri figli dovranno, se vorranno, scegliere di studiare e lavorare, orgogliosi di essere reggini”.