Reggio, sul Registro delle Unioni Civili l’Istituto per la Famiglia si scaglia contro il Comune: “è stato un blitz”

unioni civili….Senza infamia e senza lode….

Ancora una volta il traino politico nazionale ha condizionato le scelte di un organo decentrato: il Comune di Reggio Calabria!

Lo afferma in una nota Paola Roschetti, Responsabile Politiche per la Famiglia dell’Istituto per la Famiglia Sezione “Gilberto Perri”.

Lo ha fatto velocizzando, quasi in un blitz!, l’approvazione del RUC (registro unioni civili) che tante associazioni e voci accreditate avevano spiegato nella sua inutilità pratico-legale. Ma non ripeteremo ancora argomenti, a riguardo, triti e ritriti; piuttosto la riflessione riguarda le farse politiche a cui tutti noi “poveri, onesti e mortali” cittadini dobbiamo, volenti o nolenti, soccombere.

Ormai, molto spesso, la politica da il contentino a chi, fiducioso in colui che ha votato spera, invano, di ottenere rispetto, dignità, libertà e servizi attraverso richieste dimostratesi, in seguito, manipolate!

Il RUC, contrariamente a ciò che qualcuno affermava in Comune durante il dibattito, non è lo strumento per dare libertà e dignità attraverso segni di “civiltà ideologica” che non sono comprensibili a molti della popolazione che ancora ha e dimostra limiti culturali e pregiudizievoli verso “certi” argomenti!

La libertà e la dignità le detiene ogni individuo e le dimostra attraverso le scelte nella sua vita, a 360°!

Piuttosto il rispetto dagli altri e la non violenza verranno solo se le nostre generazione e le future saranno continuamente educate verso tali direzioni; tutto ciò si attuerà attraverso la famiglia, la scuola, lo Stato non con leggi repressive e limitative (vedi DDL Scalfarotto!) ma con progetti volti (laicamente o  con appartenenza a credi religiosi, non è questo il punto!) all’amore universale, reciproco, rispettoso tra tutti gli esseri viventi, qualunque sia la natura di ognuno.

SAPER, POTER, VOLER AMARE E PERDONARE PRESCINDE DA QUALSIASI APPARTENENZA POLITICA, RELIGIOSA, SOCIALE, CULTURALE E ASSOCIATIVA!