Reggio: richiesta di aiuto per una bambina di 8 anni che deve sottoporsi a visita specialistica

Marino: “stiamo seguendo come operatori sociali il caso di una bambina di 8 anni affetta da sordità congenita che abita a Reggio. La bambina si è dovuta sottoporre ad un intervento cocleare a Napoli che gli consentità di sentire”

GIOIAOSPEDALEFOTO_”Stiamo seguendo come operatori sociali il caso di una bambina di 8 anni affetta da sordità congenita che abita a Reggio Calabria. La bambina si è dovuta sottoporre il 21 aprile 2015 ad un intervento cocleare presso l’Ospedale Santobono di Napoli che gli consentità di sentire, cambiando completamente la sua vita in positivo” afferma in una nota Giacomo Antonino Marino dell’Opera Nomadi. “In questo momento i genitori della piccola non lavorano e la famiglia ha come reddito la sola pensione di invalidità civile che percepisce la bambina ( 250 euro al mese) . Pertanto- continua- la famiglia grazie all’aiuto della Caritas diocesana, delle suore di Madre Teresa e della parrocchia di appartenenza ha potuto affrontare le spese di viaggio per raggiungere Napoli per l’intervento e per tutte le visite preliminari e successive. La bambina deve continuare a fare altri controlli presso l’ospedale di Napoli, perché sono previste nel protocollo di questo tipo di intervento , ma gli enti che hanno sostenuto la famiglia non riescono a garantire ancora altri aiuti in quanto hanno molte altre richieste da soddisfare. Mercoledì passato la bambina ha dovuto saltare la visita programmata e quindi dovrà tornare a Napoli il prossimo mercoledì 20 maggio c.m. e probabilmente qualche altra volta nelle settimane successive. L’aiuto economico -aggiunge- che la famiglia necessita è quello delle spese di viaggio con il treno da Reggio Calabria a Napoli e ritorno che è di circa 145-150 euro per ogni appuntamento. Lanciamo un appello – conlude- per la raccolta di questa prima cifra necessaria entro domani sera. Chiederemo successivamente di sostenere la famiglia anche per le visite successive. Chi vuole contribuire a questa prima raccolta può contattarmi al numero 329 9036972 o scrivere  alla mail operanomadirc@gmail.com“.