Reggio, rapina in abitazione ai danni di una donna anziana: 25enne arrestato

Al termine di un’articolata indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria, personale della Polizia di Stato ha notificato in carcere a Gaetano Morabito 25enne del luogo

ladriAl termine di un’articolata indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria, personale della Polizia di Stato ha notificato in carcere a MORABITO Gaetano 25enne del luogo, un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Reggio Calabria, in quanto ritenuto responsabile di rapina pluriaggravata commessa a Gallico di Reggio Calabria la sera dell’8 novembre 2014 ai danni di una donna anziana. Quella sera, agli agenti della Polizia di Stato intervenuti sul posto, la vittima riferiva di aver subito una rapina intorno alle ore 22.00 ad opera di 4 individui che – agendo a volto scoperto, con guanti in lattice e vestiti di scuro – avevano fatto irruzione all’interno della sua abitazione e sotto la minaccia di un coltello, dopo averla immobilizzata, si erano impossessati di numerosi oggetti in oro (orecchini, collane, orologio, fedi nuziale, bracciali, catenine, medaglie, argenteria ed anelli), dandosi alla fuga al termine dell’azione delittuosa. Le prime indagini condotte dalla Squadra Mobile consentivano di accertare che ad agire erano stati cinque soggetti, uno dei quali era rimasto fuori a fare il palo e gli altri quattro erano penetrati all’interno dell’abitazione dell’anziana mentre era intenta a vedere la televisione, sicché – allo scopo di compiere la rapina – la immobilizzavano coprendole gli occhi, la trattenevano di dietro, la conducevano nella camera da letto, la obbligavano a sedersi sul letto, le legavano le mani dietro la schiena e le caviglie con nastro adesivo e la minacciavano di ucciderla puntandole il coltello. La vittima della rapina non era in grado di riconoscere gli aggressori. Tuttavia, le indagini delegate alla Squadra Mobile dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria, consentivano di acquisire plurimi elementi indiziari in capo ad uno degli autori della rapina che veniva individuato in MORABITO Gaetano. Ed invero, le verifiche sugli automezzi che la sera della rapina erano presenti nei pressi dell’abitazione della vittima, i percorsi da essi seguiti in città, nonché l’analisi dei dati e degli elementi acquisiti dall’attivazione di alcuni presidi tecnologici, unitariamente esaminati, conducevano a ritenere concordemente che uno degli esecutori materiali della rapina fosse MORABITO Gaetano. Il delitto di rapina è stato contestato a MORABITO nella forma aggravata in quanto commesso dallo stesso in concorso con altri quattro soggetti non identificati, con l’uso di armi, all’interno di un luogo di privata dimora, ponendo la vittima ultrassentacinquenne in stato di incapacità di agire ed ostacolando la privata difesa. Il provvedimento restrittivo è stato notificato al MORABITO Gaetano presso la Casa Circondariale di Arghillà dove era detenuto per altra causa (conseguente all’arresto effettuato nel mese di marzo u.s. dalla Squadra Mobile per le armi rinvenute nelle case parcheggio di Via Esperia di questo Centro).