Reggio, Raffa: “mentre tutti si riempiono la bocca di Città metropolitana noi facciamo i fatti”

Il bilancio consuntivo della Provincia, guidata da Giuseppe Raffa, chiude con un avanzo di oltre 33 milioni di euro per l’anno 2014

20150529_112550A certificare lo straordinario risultato ottenuto dalla Provincia di Reggio Calabria, guidata da Giuseppe Raffa, sono le “carte” o più tecnicamente il bilancio consuntivo dell’anno 2014, approvato dal Consiglio provinciale il 27 maggio scorso e presentato questa mattina alla stampa alla presenza dello stesso Presidente, del Vicepresidente e Assessore al Bilancio Giovanni Verduci e degli Assessori Roy Biasi e Santina Catalano. Tra gli artefici del meritato successo erano presenti il Direttore Generale della Provincia, Antonio Minicuci, e il Dirigente del Settore Economico Finanziario, Stefano Maria Catalano.

Un avanzo di amministrazione di ben 33.578.234,79 euro -al netto del riaccertamento straordinario dei residui, che ormai la Legge di Stabilità impone agli enti locali- , che “non è il frutto dell’anno 2015, ma si tratta di un risultato conseguito dall’anno 2009 ad oggi, che grazie ad una sana programmazione quinquennale, ci ha consentito di poter essere oggi una tra leprovince italiane e, sicuramente la prima Città Metropolitana ad essere virtuosa” – ha dichiarato il Dirigente Catalano nella sua relazione.

Un ente, quello guidato da Giuseppe Raffa, che ha subito tagli per oltre 41milioni di euro dalle casse dello Stato e della Regione, subendo una netta disparità di trattamento – come ha voluto rimarcare il Direttore Generale Minicuci- rispetto alle grandi città di Roma, Milano, Napoli: “gli enti del Meridione sono stati i più penalizzati, si pensi che Roma ha subito un taglio delle risorse del 4,48% e Milano dell’8%, mentre Reggio Calabria ha subito una drastica riduzione del 25&; ecco perchè oggi siamo qui a raccontare una cosa positiva, perchè siamo stati bravi e abbiamo fatto un piano di razionalizzazione delle spese quando ancora in Italia nessuno sapeva cosa fosse la spending review“.

Numeri impressionanti “snocciolati” da Minicuci di somme recuperate dalla Provincia nel solo biennio 2012-2013: dai 4milioni di euro, che la Provincia spendeva per gli affitti, alla riduzione del personale con piani di pre-pensionamento, che faranno risparmiare  all’ente oltre 20milioni di euro e ancora tagli alle spese di telefonia e di consumo della carta.

Un ottimo risultato, dunque, che inorgoglisce soprattutto l’Assessore al Bilancio, Verduci, e il Presidente Giuseppe Raffa, che a poco più di un anno dalla scadenza del suo mandato esibisce risultati, che susciterebbero l’invidia di qualsiasi altro amministratore. “Oggi siamo orgogliosi di poter dire che il nostro apparato, la nostra Provincia è eccellente, grazie al lavoro di tutti i settori, su input del direttore Minicuci, ma soprattutto mentre tutti fanno convegni e seminari sulla Città Metropolitana, noi facciamo i fatti e questa settimana riusciamo a pagare pure la produttività ai nostri dipendenti nonostante i tagli subiti e il definanziamento del Decreto Reggio per 3milioni di euro”- ha dichiarato Raffa nel suo intervento.

E’ un sano modello di amministrazione e gestione della “res publica” -è innegabile- quello che è stato portato avanti dall’Amministrazione provinciale, i cui frutti sono stati presentati questa mattina, e che -precedendo le domande della stampa- il Presidente ha dichiarato che in parte saranno impiegati per i settori della viabilità, lavori pubblici e ambiente, ma una parte -sfortunatamente- dovrà essere “vincolata”.