Reggio, il parere di un esperto Naturalista su Villa Zerbi: “isola verde oltre il tempo e lo spazio”

Morabito: “lo spazio verde della Via Marina di Reggio Calabria è da sempre un’icona di eleganza spettacolare, per certi versi barocca, della città”

villa zerbi“Lo spazio verde della Via Marina di Reggio Calabria è da sempre un’icona di eleganza spettacolare, per certi versi barocca, della città. Già nelle stampe post terremoto, data storica dello spartiacque tra la struttura antica e quella moderna della città, la presenza massiccia e rigogliosa della massa verde occupava quasi tutta la scena fotografata rimandando l’osservatore a sensazioni percettive particolari : un’ isola lussureggiante tra le strade, i palazzi e lo Stretto di Messina. Cento anni dopo , con le alberature possenti dei Ficus e delle varie specie di palme, possiamo affermare che di isola si tratta. Isola di biodiversità composita di tutti i continenti che in questo secolo ha accompagnato la vita di tutti i reggini. Ad esplorarla meglio, quest’isola riunisce specie provenienti da foreste pluviali australiane, dai Monti dell’Atlante marocchino, dalle aree semidesertiche americane, dalle coste di tutto il mediterraneo dove ogni essenza è un simbolo che unisce e riconosce un’unica storia fatta di Querce, Pini, barche, portoni , archi, zappe…. L’isola oltrepassa il tempo conteggiato dai calendari e dai fatti storici, per tuffarsi nel tempo profondo dell’evoluzione di tutte le specie viventi ricordandoci con la presenza di alcune piante, come per esempio le Cycas le Ere in cui la Terra era popolata da piante , pesci, rettili” scrive l’esperto Naturalista Domenico Morabito. “La Via Marina quindi da luogo fisico voluto dagli uomini come salotto buono della città che veniva ricostruita, Villa Genoese Zerbidiventa spazio senza tempo dove è ancora possibile passeggiando ritrovarsi a pensare di latitudini lontane ed Ere insondabili. Proprio al centro, a metà del bel chilometro di dannunziana memoria si trova Villa Genoese Zerbi. Non passa inosservata -prosegue- non può essere…wunderbar , meraviglioso, sospirano i tedeschi, che non capiscono perche i catenacci tengono serrata la villa. Incantesimi, principesse rapite…..rätsel, mistero. La villa Genoese Zerbi, è un edificio storico della città di Reggio Calabria. Sorge sul corso Vittorio Emanuele III nell’area dove, prima del 1860, vi era l’antica villa in stile barocco della famiglia dei Marchesi Genoese. Distrutta dal terremoto del 1908, la villa fu riedificata con un progetto redatto dagli ingegneri Zerbi, Pertini e Marzats nel 1915. Queste notizie facilmente reperibili -aggiunge- vengono consultate spesso, perché la Villa Genoese Zerbi è uno dei luoghi più ammirati della città e per questo è da sempre un simbolo. Simbolo della ricostruzione post terremoto, simbolo di quella Reggio elegante e gentile che sin dai tempi dei Normanni (non esagero) viene indicata tale. Simbolo perchè per anni è stata centro di incontro e di Cultura.

Settembre – Novembre 2004 Sensi contemporanei. Z.O.U. Zone d’urgenza
dalla 50ª Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia
Dicembre 2004 - Marzo 2005 Sensi contemporanei. Movimento/Movimenti
dalla 50ª Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia
Giugno – Agosto 2005 Il cinema negli occhi. Tazio Secchiaroli
Ottobre 2005 Villa Genoese Zerbi 1915-2005. Conoscenza didattica e restauro nel progetto d’architettura
Dicembre 2005 - Marzo 2006 Sensi contemporanei. Metamorph
dalla 9ª Mostra internazionale di architettura della Biennale di Venezia
Giugno 2006 Reggio Calabria Film Fest
Luglio – Settembre 2006 Piacere e complessità di un genio. Salvador Dalí
Dicembre 2006 - Gennaio2007 Tavole di sogno. Gianni Versace-Rosenthal
Maggio – Giugno 2007 _Reghion 2010. La città in mostra
Agosto – Ottobre 2007 Rabarama. Identità.
Mostra dell’artista Rabarama
Dicembre 2007 - Febbraio2008 Incanto – Percorsi celebrativi in ricordo della divina Maria Callas.
Aprile – Maggio 2008 Figurae – Aspetti della figurazione contemporanea.
Italia: le ultime generazioni.
Agosto – Settembre 2008 Reggio Art. Artisti reggini a Villa Genoese Zerbi
Settembre 2008 Mostra istituzionale della Marina Militare italiana e delle Capitanerie di porto
in occasione della “Settimana del Mare” e del “XVII raduno dell’Associazione nazionale marinai d’Italia“.
Ottobre – Novembre 2008 Frammenti di luce – Mostra dei gioielli creati dal maestro orafo Gerardo Sacco“.
Dicembre 2008 - Gennaio2009 Cent’anni dal terremoto di Reggio e Messina 1908/2008″.
Aprile – Maggio 2009 “Michele Prestipino 1887/1975. Storia e Memoria”.
Luglio – Agosto 2009 “Cinquant’anni di moda italiana”.
Mostra sulla storia del Made in Italy.
Settembre – Ottobre 2009 “60 anni dedicati al caffé”.
Mostra sulla storia di Caffè Mauro.
Febbraio – Luglio 2010 “Egitto Maivisto”-le dimore eterne di Assiut e Gebelein.
Mostra di reperti dell’antico Egitto rinvenuti durante la missione archeologica diretta da E. Schiapparelli tra il 1908 e il 1920.
Gennaio – Marzo 2011 “Segni della città che c’era”.
Mostra di documenti d’epoca e reperti architettonici e decorativi recuperati dai palazzi del ’600 e ’700 della città distrutti dal sisma del 1908[1].

Per questo e per tanti altri motivi penso che bisogna assolutamente accendere i riflettori su Villa Genoese Zerbi. Cercare delle soluzioni tutti insieme – conclude- se realmente in questa Città si vuole parlare di coscienza collettiva e di bene comune, Villa Genoese Zerbi è una grande risorsa culturale,  per l’immagine della Città ed economica”.