Reggio: “indifferenza per la messa in sicurezza della SS106″

Pace: “in questi anni ci siamo battuti per mettere questa strada in sicurezza dalla famigerata ss 106 ma, malgrado varie denuncie e richieste di interventi, ancora oggi riscontriamo dall’altra parte una totale indifferenza”

GAETANJODIFRONTE AL COMUNE“In questi anni ci siamo battuti per mettere questa strada in sicurezza dalla famigerata ss 106 ma, malgrado varie denuncie e richieste di interventi, ancora oggi riscontriamo dall’altra parte una totale indifferenza.Ci dispiace per l’insistenza che abbiamo, ma ci è d’obbligo; perché lo chiedono i cittadini che hanno perso i loro cari in questa maledetta strada .Non possiamo aspettare che perdano la vita altre persone innocenti per un banale incidente ed è per questo che i cittadini chiedono la sicurezza” afferma in una nota Gaetano Pace presidente dell’associazione “Amici di Raffaele Caserta”. “Chiedono costantemente spiegazioni sulla messa in sicurezza del bivio di Roghudi, e noi non riusciamo a dare una risposta concreta.Abbiamo visto morire ragazzi giovani in questo svincolo ed è per questo che non accettiamo più rinvii da parte di chi ci governa. Se sarà necessario – continua- scenderemo in piazza per rivendicare i nostri diritti. Questo è ciò che chiede l’Associazione Amici di Raffaele Caserta. Ovviamente noi faremo di tutto per dare risposte valide per garantire la sicurezza non solo del bivio di Roghudi, ma di tutto il tratto da Saracinello a Brancaleone.Infine chiedamo agli enti competenti il motivo per il quale i vari progetti appaltati si sono fermati a Melito e non sono proseguiti anche nei tratti di strada circostanti. Vorremmo una risposta seria – conclude- per poter dare una risposta seria”.