Reggio: domani il convegno #NonEsisteAlternativaAllaFamiglia

Locandina8maggioJPEGDomani, venerdì 8 maggio, si terrà il convegno #NonEsisteAlternativaAllaFamiglia organizzata dal circolo reggino de La Manif Pour Tous. L’evento avrà luogo alle ore 18.30 presso la sala Calipari (sede del Consiglio della Regione Calabria) ed ha ricevuto le adesioni di diverse realtà sociali fra cui l’Associazione Genitori Italiani, l’Associazione Nazionale Famiglie Numerose, il Circolo Voglio La Mamma, il Centro Servizi Sociali per la Famiglia “P. Raffa”, l’Istituto per la Famiglia “G. Perri”, il Forum delle Associazioni Familiari, il Sindacato delle Famiglie. Lo afferma in una nota Giorgio Arconte – rappresentante circolo reggino LMPT Italia.

La manifestazione si dividerà in due parti. Nella prima parte ci saranno tre testimonianza dal vivo da parte di una donna e madre divorziata che convive con un nuovo compagno, di una ragazza lesbica e di un noto personaggio omosessuale.

Nella seconda parte il protagonista sarà il magistrato, ed ex sottosegretario all’Interno, Alfredo Mantovano. Attraverso il suo intervento si scenderà nel cuore della manifestazione parlando di “famiglia ed unioni civili, una ricerca di senso nel diritto positivo italiano”. Si cercherà, quindi, utilizzando e scorrendo solo dati, fatti, leggi e sentenze di descrivere cosa sono davvero i registri comunali delle unioni civili e cosa prevede il ddl Cirinnà in discussione al Parlamento. Un modo di fare informazione alla città rifiutando vuoti slogan e qualsiasi approccio ideologico.

Tutti i consiglieri comunali, tutti gli assessori ed il sindaco sono stati inviati a partecipare tramite comunicazione mezzo mail.

La Manif Pour Tous Italia

“La Manif Pour Tous” è movimento apartitico ed aconfessionale che nasce per ribadire l’unicità della famiglia fondata sull’unione tra un uomo ed una donna, riconosciuta con il matrimonio, ed il diritto di ogni bambino di avere un padre ed una madre. I benefici sociali dati dalla loro tutela e promozione sono per tutti e non ledono la dignità personale di nessuno.