A Reggio il convegno di presentazione del progetto “Rete a Sud”

Il progetto “Rete a Sud” a Reggio a sostegno dell’integrazione dei cittadini immigrati nelle Regioni del Sud Italia

anolf cislSi è tenuto nei giorni scorsi a Reggio, presso la sala Federica Monteleone del Consiglio regionale della Calabria, il convegno di presentazione del progetto Rete a Sud. Il Modello Sicilia per l’integrazione dei cittadini immigrati nelle Regioni del Sud Italia, finanziato dalla Fondazione Con il Sud e attuato dall’ANOLF nazionale, ente capofila del progetto, e da ANOLF Regionale Calabria, ANOLF Provinciale Foggia, ANOLF Regionale Basilicata, ANOLF Regionale Sardegna, ANOLF Provinciale Napoli, ANOLF Regionale Sicilia e dalle Associazioni di volontariato Il Tempo e Al Plurale.
I lavori sono stati introdotti da Rosy Perrone, Presidente dell’ANOLF Calabria che, dopo i saluti ai numerosissimi intervenuti e agli immigrati e mediatori culturali presenti, ha ricordato come destinatari del progetto siano i cittadini di Paesi terzi regolarmente soggiornanti sul territorio nazionale afferenti alle strutture ANOLF e le comunità locali dei territori di riferimento, in un’ottica di rafforzamento della rete degli sportelli e dei servizi da essi forniti.
Dopo i saluti del Presidente della Provincia di Reggio Calabria, Giuseppe Raffa, che ha richiamato l’impegno necessario, per arginare il dramma degli sbarchi sulle nostre coste, dell’Unione europea in un’ottica sovranazionale, ha aperto la serie degli interventi programmati il Presidente dell’ANOLF nazionale Mohamed Saady che ha rilevato l’ampio valore sociale del progetto e il carattere strutturale del fenomeno migratorio: una nuova visione della convivenza tra immigrati, con un accento sul protagonismo delle seconde generazioni e sulle “buone prassi di convivenza”, sperimentate sul suolo siciliano, nella prospettiva di un aumento di consapevolezza dei diritti, ma soprattutto dei doveri, degli immigrati.
Sono successivamente intervenuti la Simona Basilea che ha illustrato al pubblico le modalità operative del “modello Sicilia” nella gestione della Rete degli sportelli ANOLF e, in modo specifico, gli strumenti a disposizione dei mediatori al fine di rendere uniforme il lavoro nelle diverse strutture territoriali; il Segretario regionale della CISL Calabria Paolo Tramonti che ha puntato i riflettori sull’attività strategica del lavoro degli sportelli ANOLF per le politiche di integrazione, fattore qualificante in una regione, la Calabria, ad alto tasso di disagio economico e sociale, l’Assessore al Lavoro, formazione, attività produttive e politiche sociali della Regione Calabria, Carlo Guccione, che ha ricordato l’impegno della Regione a sostegno delle politiche sociali; il Presidente di Fondazione Con il Sud, Carlo Borgomeo, che ha ricordato l’impegno della Fondazione nel sostegno alle Associazioni di volontariato e lo stretto legame tra integrazione e sviluppo.
I lavori si sono conclusi con l’intervento del Segretario confederale della Cisl, Maurizio Bernava il quale ha ricordato l’impegno storico della Cisl nel fornire strutture e mezzi, rete di supporto a un approccio pragmatico e mai ideologico al tema dell’integrazione degli immigrati sull’intero territorio italiano.