Reggio: consegnati i lavori di consolidamento della SP 2 a S. Eufemia in Aspromonte

Sono stati consegnati i lavori di consolidamento della strada Provinciale 2, in territorio di S. Eufemia in Aspromonte

FOTO 1Sono stati consegnati i lavori di consolidamento della strada Provinciale 2, in territorio di S. Eufemia in Aspromonte,  danneggiata da un movimento franoso al chilometro 8 +800. L’adempimento si è svolto questa mattina  in prossimità dell’area interessata all’apertura del cantiere ed ha registrato la presenza di Giuseppe Raffa, presidente dell’Ente, della dirigente del settore Viabilità e Trasporti, ing. Domenica Catalfamo, del progettista e direttore dei lavori, ing. Mattia Neto, del sindaco di S. Eufemia, Domenico Creazzo, e del rappresentante dell’impresa “C.A. Costruzioni s.r.l.” che si  è aggiudicata la gara d’appalto. I lavori da eseguire consistono nella messa in sicurezza della scarpata mediante la posa in opera di un sistema geocomposito. Si tratta di un manufatto  costituito da rete metallica a doppia torsione, preaccoppiata in fase di produzione con biorete naturale in fibra di cocco e completato con idrosemina potenziata per garantire un adeguato controllo dei processi erosivi ed un veloce inerbimento. Sarà realizzato altresì un rinforzo corticale, di tipo passivo, attraverso un reticolo di chiodature in parete con ancoraggi autoperforanti in barra d’acciaio ed un sistema di canalizzazione delle acque meteoriche in testa al muro di sostegno esistente. Il RUP è il geom. Domenico Scordo, tecnico del settore Viabilità e Trasporti della Provincia. I lavori dovranno essere ultimati entro  i prossimi 120 giorni. Il Presidente Raffa, esprimendo soddisfazione per la positiva conclusione dell’iter tecnico – amministrativo, ha sottolineato l’importanza “delle reti viarie per lo sviluppo del territorio, soprattutto delle zone interne  interessate allo spopolamento anche a causa della carenza infrastrutturale che limita la mobilità delle persone e delle merci. Queste opere di ingegneria sociale  sono prioritarie  in un contesto territoriale  dalle grandi potenzialità  soffocate dall’inerzia dell’uomo”.