Reggio, confiscati definitivamente i lussuosi beni del “re dei videopoker” Gioacchino Campolo: l’elenco completo

Sequestrati beni al “re dei videopoker” Campolo

Gioacchino CampoloOltre duecentosessanta immobili inclusa la sede del tribunale di Sorveglianza di Reggio Calabria e l’ex cinema Margherita sul Corso Garibaldi, quindici fra auto e motocicli, tutti i conti correnti, portafogli titoli, depositi di risparmio, posizioni assicurative, nonche’ il patrimonio aziendale e le quote sociali di tre aziende: e’ l’intero impero del “re dei videopoker”, Gioacchino Campolo a passare definitivamente nelle mani dello Stato. La Corte di Cassazione ha definitivamente respinto i ricorsi dei legali dell’imprenditori e dei suoi familiari, disponendo che il tesoro, stimato in oltre 330 milioni di euro venga definitivamente confiscato, bocciando sonoramente tutte le doglianze degli imputati gia’ da tempo spogliati dei beni illecitamente acquisiti grazie all’operazione Les Diables.