Reggio: al Collodi incontro sugli anni 70 [FOTO]

Gli anni settanta: Crocevia di evoluzione civile, società urbana e rurale in movimento. Italia e Mondo che ripartono dopo la “Beat generation”

fotocompleta tavolo relatoriGli anni settanta: Crocevia di evoluzione civile, società urbana e rurale in movimento. Italia e Mondo che ripartono dopo la “Beat generation”. Moda, musica e costume che diventano fondamentali per gli sviluppi degli anni a seguire. Un mondo che è analizzato, con particolare riferimento alla città e alla società reggina, nella linea tematica che la dirigente Mariantonia Puntillo ha voluto dare al progetto interdisciplinare  sugli anni settanta, dell’Istituto Comprensivo “Galluppi-Collodi- Bevacqua” di Reggio Calabria. Al plesso Collodi, il 4 maggio, si è iniziato con un appuntamento coinvolgente denominato : “Italia e Mondo negli anni 70“ Carosello, Cartoni Animati, Moda, Costume e Tv. Presenti al tavolo dei relatori, moderato dal giornalista Francesco Legato, il sindaco Giuseppe Falcomatà, il dirigente scolastico Mariantonia Puntillo e Fulvio D’Ascola, esperto di comunicazione e sociologia della musica. L’arrivo del Sindaco della Città di Reggio Calabria  è  sottolineato dalle note musicali dell’orchestra scolastica diretta dal Prof. Pasquale Faucitano, con l’esecuzione dell’ ”Inno alla Gioia” e di altri brani musicali degli anni settanta. Subito dopo i saluti iniziali del dirigente scolastico Puntillo, che ha sottolineato l’importanza del lavoro d’equipe della scuola, evidenziando la funzione di formazione e integrazione degli alunni, realizzata attraverso una grande interazione tra didattica ed esperienze sul campo, sempre tesa all’educazione alla legalità, all’integrazione delle minoranze ed allo sviluppo delle conoscenze, anche attraverso visite guidate e stages. Il progetto sugli anni settanta, testimonia la permeazione di un periodo storico vissuto, con l’esposizione dei lavori in video o power foto convegno sindaco e dirigente scolasticopoint realizzati dalle varie classi coinvolti tra scuola primaria e secondaria, tra i plessi Collodi e Galluppi. Il sindaco Falcomatà, aprendo l’incontro, ha espresso la sua ammirazione per l’accoglienza e per la validità delle proposte scolastiche, nella rivalutazione di un decennio che ha anche visto la città di Reggio protagonista con i “Moti del 1970” e rimarcando il senso di appartenenza ad una comunità. Il Sindaco  ha affermato come la nuova esperienza di primo cittadino, nata da uno scioglimento dell’amministrazione per contiguità mafiosa, deve essere sostenuta da un lavoro comune, con il sostegno di tutti. Dopo i saluti istituzionali, entrano in scena i protagonisti, gli studenti che hanno realizzato i lavori sulle tematiche anni settanta. Il moderatore Legato presenta i rappresentanti delle classi cha hanno lavorato in modo multimediale e che illustrano i loro lavori. C’è spazio per  i video delle classi 1A e 1E della scuola secondaria Bevacqua con la visione di immagini che richiamano alla  moda, al costume, alle auto di quegli anni, con i” Power point” della classe 1D della scuola secondaria Bevacqua, che hanno segnato il tempo della conquista dei diritti civili e dello sviluppo di città quali Londra, capitale dell’integrazione, e Madrid, con una chiusura finale dedicata alla rivolta di Reggio Calabria. Spazio anche per i lavori della scuola primaria Galluppi,con una suggestiva “Lettera a Caro..Sello”,con immagini che ripercorrono le modalità  di azione affrontate dagli studenti delle elementari e sprazzi di pubblicità di quegli anni. Sul finale, Fulvio D’Ascola affronta i temi della comunicazione e della musica ,testimoniando la difficile fruizione della musica attraverso radio e tv  degli adolescenti di quegli anni, sottolineando anche l’importanza nell’essere gruppo, portando ad esempio il calcio e gli scudetti vinti dalla Lazio nel 1974, facendo vedere anche alcuni brevi video: sigla di “Giochi senza Frontiere” quale unico approccio di Europa Unita dalla tv e dal gioco; uno spot di Carosello e la sigla di “Happy Days”. La conclusione  è nelle parole del sindaco Falcomatà, attratto dallo spirito di coesione e dalla validità dei lavori realizzati tra docenti ed alunni, complimentandosi con la dirigente Puntillo,che lo ha invitato a partecipare all’incontro conclusivo del 12 maggio sui “Moti di Reggio”. L’ambizioso progetto che si sta svolgendo nell’Istituto Comprensivo “Galluppi -Collodi- Bevacqua ” proseguirà il giorno 8 maggio ancora al plesso “Collodi” con il tema “Reggio e Musica negli anni 70” ,concludendosi il 12 maggio al plesso “Galluppi” affrontando il periodo storico con “I Moti di Reggio e società reggina degli anni 70 “.