Reggio: 33 dipendenti comunali denunciati per assenteismo, arriva l’avviso di conclusione indagini

I 33 dipendenti presunti assenteisti sono stati individuati e messi sotto inchiesta dalla Procura

assenteismoSono 33 i presunti assenteisti individuati e messi sotto inchiesta dalla Procura di Reggio Calabria, che in queste ore stanno ricevendo l’avviso di conclusione indagini firmato dal pm Rosario Ferracane. Stando alle prime indiscrezioni, fra il 2011 e il 2012, un gruppo di dipendenti affidava il proprio badge ai colleghi per attestare una fallace presenza sul posto di lavoro, procurandosi – dicono gli inquirenti – un ingiusto profitto, proprio negli anni in cui l’amministrazione lottava per sottrarsi al default. All’origine dell’indagine, c’e’ un’incongruenza che ha fatto insospettire il pm Ferracane: il dipendente comunale Pasquale Cortese, arrestato nell’ambito dell’operazione contro la cosca Lo Giudice, quel giorno risultava regolarmente al lavoro. Qualcuno – il cui nome non e’ ancora stato rivelato perche’ le notifiche dei provvedimenti sono ancora in corso – ignaro dell’arresto, anche quella mattina ha timbrato il cartellino per lui. Da li’, sono partiti gli approfondimenti investigativi – basati in larga parte sull’incrocio di tabulati dei dipendenti e celle telefoniche agganciate, come su un breve periodo di video riprese – che hanno portato all’individuazione dei dipendenti infedeli.