Pietro Balistreri, quando un WhatsApp cambia il corso della storia: il clamoroso retroscena sull’eroe della Reggina

Reggina, il gol di Balistreri a Messina e quel clamoroso retroscena sulla trattativa che portò l’attaccante palermitano in amaranto

esultanza reggina 01Un WhatsApp come tanti altri, come centinaia che ne arrivano ogni giorno nell’ultima settimana di gennaio e poi, ancora di più, per tutta l’estate. Normale, se di professione ti occupi di calciomercato. 26 gennaio 2015, smartphone che vibra ed occhi puntati sul monitor: “Occhio, da quanto ne so col Messina è saltato tutto: Balistreri domani firma con la Reggina”. La fonte è così autorevole che, come succede solo con pochissimi interlucori, non ho nemmeno bisogno di ulteriori verifiche. E lo ammetto, un sorriso si stampa sul mio viso. Motivo? Semplice.

corner reggina di lorenzo balistreri cirillo maimonePietro Balistreri, attaccante in uscita dalla Torres, era davvero ormai un giocatore del Messina: tutto fatto, mancava solo la firma materiale. Al punto che, ormai da giorni, giornali e siti web parlavo di “affare concluso”: ed era vero, io però ero arrivato tardi. Un buco, come si dice nel gergo del mercato. Che però, con un pizzico di fortuna (lo ammetto), in questo caso si è trasformato in un successo: perché il giorno dopo quell’indiscrezione, Balistreri con la Reggina ha firmato davvero. Anche se il campo non ha poi dato così tanta ragione all’intuizione di Foti: 11 presenze, un solo assist e zero gol. Fino ad oggi. Perché Balistreri, che sullo Stretto ha ‘navigato’ tra Messina e Reggina, oggi è entrato per sempre nella storia amaranto. Colpo di testa e… Lega Pro. San Filippo che piange, giallorossi in Serie D per il gol di quell’attaccante che doveva vestire la maglia biancoscudata. Gioia tutta amaranto, sorrisi che resteranno a lungo impressi sul viso. Un po’ come successe a me, quel giorno di gennaio, quando quel WhatsApp arrivò sul mio smartphone. Però, lo ammetto, non avrei mai creduto che avesse potuto cambiare anche il corso della storia del calcio in riva allo Stretto.