Platì (Rc): “giusto celebrare la Festa della Repubblica in paese”

Penna: “è opportuna e piena di significato la decisione del Segretario Regionale del Pd calabrese, Ernesto Magorno, a voler celebrare il 2 giugno prossimo la Festa della Repubblica a Platì”

Platì“L’attenzione posta dai media in questi giorni sulla rinuncia dei cittadini di Platì ad esercitare la democrazia obbliga a delle amare riflessioni anche noi che siamo impegnati nelle prossime elezioni amministrative del 31 maggio prossimo nel territorio di Roccaforte del Greco. La stessa Roccaforte del Greco che ha vissuto e vive tanti problemi simili a quelli di Platì (più di 4 anni di commissariamento) ed i tanti comuni calabresi sciolti per mafia, con l’azzeramento della democrazia sono stati privati in questi anni dei principi determinanti per lo sviluppo sia economico che culturale, ottenendo in questo modo soltanto l’accelerazione dello spopolamento delle zone” afferma in una nota Domenico Penna candidato a sindaco lista “To vunì” a Roccaforte del Greco. “Sono quasi 10 anni che a Platì tutti i consigli comunali democraticamente eletti vengono sciolti immediatamente per sospetto di infiltrazioni mafiose… Ed anche quest’anno non ci saranno liste: partiti e cittadini hanno rinunciato ad eleggere il prossimo 31 maggio i propri rappresentanti in consiglio comunale. E così anche stavolta -prosegue- il potere amministrativo sarà esercitato da un commissario mandato dal Prefetto. A questo punto nessuno può continuare a far finta di non sapere, ci sono tante responsabilità, soprattutto c’è una grossa responsabilità, quella della “politica” tutta! Io credo che non sia più rinviabile da parte delle forze politiche ignorare che la legge attuale sugli scioglimenti dei Comuni per infiltrazioni mafiose è sbagliata ed antidemocratica; è deprimente osservare come gli organi di governo e la politica insistano ad attuare un misura inefficace che utilizza sempre gli stessi elementi per decretare la fine di una pubblica amministrazione. E’ pertanto opportuna e piena di significato – aggiunge- la decisione del Segretario Regionale del Partito Democratico calabrese, Ernesto Magorno, a voler celebrare il 2 giugno prossimo la Festa della Repubblica proprio in quel territorio: i problemi di Platì e dei suoi abitanti devono essere affrontati dalla politica, dalle istituzioni e dai cittadini, insieme. Noi che con la lista “To Vunì” siamo impegnati in questa importante campagna elettorale a Roccaforte del Greco, crediamo che a partire dal nostro paese dobbiamo convincere ogni cittadino a partecipare al voto del 31 maggio prossimo, scegliendo liberamente tra le tre liste presenti i propri rappresentanti ed “ipotecare” così una sana e trasparente gestione amministrativa e creare le condizioni di poter affermare “MAI PIU’ COMMISSARI”. Per quanto ci riguarda – conclude- qualunque sia il nostro risultato elettorale, quel giorno (il 2 giugno) NOI a Platì ci saremo…..”