Palermo: sequestri di beni ed immobili

La direzione investigativa antimafia sta procedendo al sequestro preventivo di beni mobili ed immobili, rapporti bancari, intero capitale sociale e relativo compendio di numerose aziende situate in Palermo e Provincia

diaAl termine di prolungate indagini, coordinate dalla d.d.a. di Palermo, su provvedimento della sezione misure di prevenzione dello stesso tribunale, la direzione investigativa antimafia sta procedendo al sequestro preventivo di beni mobili ed immobili, rapporti bancari, intero capitale sociale e relativo compendio di numerose aziende situate in Palermo e Provincia, di pertinenza del ragioniere commercialista Acanto Giuseppe, cl. ‘60, ritenuto legato ai vertici di “cosa nostra” ed in particolare alla famiglia mafiosa di villabate. il valore dei beni sequestrati ammonta a circa 800 milioni di euro. sono in corso perquisizioni all’interno delle aziende in questione