Oliverio a Catanzaro con Bubbico per parlare di sicurezza, giustizia e legalità

Mario Oliverio, nel pomeriggio di oggi ha partecipato, insieme al vice Ministro agli Interni Bubbico, ad una iniziativa pubblica promossa dal Pd di Catanzaro sul tema: “Sicurezza, Giustizia, Legalità”

Oliverio (3)

Il presidente della Regione, Mario Oliverio, nel pomeriggio di oggi ha partecipato, insieme al vice Ministro agli Interni Bubbico, ad una iniziativa pubblica promossa dal Pd di Catanzaro sul tema: “Sicurezza, Giustizia, Legalità”. La manifestazione, nel corso della quale sono intervenuti il segretario provinciale del Pd nonché presidente della Provincia di Catanzaro, Enzo Bruno, alcuni amministratori locali, vittime di  attentati, intimidazioni e minacce, è stata aperta dalla relazione della presidente della commissione parlamentare d’inchiesta sul fenomeno delle intimidazioni agli amministratori locali, sen. Doris Lo Moro. Il presidente Oliverio, dal canto suo, ha  ringraziato la senatrice Lo Moro per aver portato all’attenzione del Paese questa realtà troppo spesso sottovalutata e per aver condotto in Commissione un lavoro di serio approfondimento su questo grave fenomeno. “Siamo in una regione -ha detto il presidente della Giunta calabrese-  nella quale questo fenomeno ha maggiore incidenza e a cui si ricorre in modo diffuso in tutta la regione. Non ci sono territori o zone franche.  Basti pensare che solo negli ultimi quattro mesi si sono verificati in Calabria diciassette episodi di questo tipo che hanno l’obiettivo di esercitare un condizionamento che ha come obiettivo motivi diversi. Rispetto a tutto ciò bisogna alzare l’asticella dell’attenzione, evitando sottovalutazioni e costruendo un fronte largo di energie che deve essere continuamente mobilitato per sbarrare la strada a questi fenomeni e per non fare sentire soli e abbandonati a se stessi i sindaci e gli amministratori locali. Quando accadono episodi di questo tipo non bisogna fermarsi all’iniziativa del giorno dopo”. “Noi, per quanto ci riguarda –ha aggiunto Oliverio- siamo attivamente e quotidianamente impegnati nella bonifica della Regione. Eliminare la discrezionalità nell’azione di governo, rendere coerente gli annunci con la concretezza e il rigore dei comportamenti, affermare un quadro di regole e la legalità come condizione per far crescere e per fare esprimere tutte le energie sane presenti sul nostro territorio regionale: questo è il lavoro che dobbiamo fare e che stiamo facendo. Ciò significa non fermarsi alla bella manifestazione e alla protesta, ma costruire un tessuto vasto di alleanze e sinergie su tutto il territorio regionale”. Il presidente della Regione, infine, ha auspicato che gli autori di questi gravissimi episodi devono essere individuati e assicurati alla giustizia. Troppe impunità si sono registrate fino ad oggi e le impunità non scoraggiano né il ripetersi di questi fenomeni né coloro che li mettono in atto. “Non è possibile –ha concluso il Governatore della Calabria,, annunciando che entro la metà del mese di maggio presenterà il piano regionale anticorruzione- che oltre il 20% del territorio calabrese sia privo di presidi di forze dell’ordine”. Il vice ministro agli interni Bubbico, ha molto apprezzato il discorso di Oliverio. “Oggi –ha detto a conclusione del suo intervento- la Calabria è l’unica regione che annuncia di voler trasformare le criticità in opportunità. Siamo di fronte ad una grande inversione di tendenza rispetto al passato. La bonifica della Regione annunciata da Oliverio, merita il sostegno di sindaci e imprenditori. La pubblica amministrazione deve funzionare affinché diventi alleata dei cittadini”.