‘Ndrangheta: operazione “Infinito”, la Cassazione conferma condanne

La Corte di Cassazione ha confermato le condanne fino a 20 anni di reclusione inflitte a 40 persone, tra cui il boss Giuseppe Neri e l’ex dirigente dell’Asl di Pavia Carlo Chiriaco, coinvolte nell’inchiesta ‘Infinito’ condotta dalla Dda di Milano e di Reggio Calabria sulle infiltrazioni della ‘ndrangheta in Lombardia

processoLa Corte di Cassazione ha confermato le condanne fino a 20 anni di reclusione inflitte a 40 persone, tra cui il boss Giuseppe Neri e l’ex dirigente dell’Asl di Pavia Carlo Chiriaco, coinvolte nell’inchiesta ‘Infinito’ condotta dalla Dda di Milano e di Reggio Calabria sulle infiltrazioni della ‘ndrangheta in Lombardia. La sentenza è stata emessa ieri sera dal collegio della seconda sezione penale, presieduto dal giudice Antonio Esposito, che ha respinto i ricorsi presentati dalle difese dopo il processo d’appello. La Cassazione in passato aveva già confermato le condanne di altre 92 persone, coinvolte nella stessa inchiesta ma processate con rito abbreviato, a una pena totale di circa otto secoli di carcere.