Motta San Giovanni (Rc): il ringraziamento dell’istituto comprensivo al professor Saverio Verduci

“Da ex alunno ad orgoglio del proprio paese”, l’omaggio a Saverio Verduci

scuola-e-universita-non-ti-formanoProf.ssa Annarita Mazzitelli ringrazia il prof Saverio Verduci che da alunno dell’Istituto Comprensivo di Motta San Giovanni è divenuto l’orgoglio del proprio paese.

Tocca proprio a me parlare e cercare di descrivere la figura del Prof. Saverio Verduci, un giovane della nostra amata terra di Calabria che può vantarsi di tante belle intelligenze. Ho conosciuto Saverio a scuola, nella mia scuola, la Scuola Secondaria di Primo Grado dell’Istituto Comprensivo Motta San Giovanni plesso scolastico di Lazzaro.
Nel lontano anno scolastico 2005/2006 venne da me in quanto insegnante di alcuni alunni che lui seguiva privatamente nel doposcuola che ha sempre tenuto dopo la laurea sia per tenersi in allenamento, sia per contribuire alla propria indipendenza economica, vista la difficoltà di trovare subito lavoro soprattutto nella scuola dove è necessario seguire un’anticamera di anni e anni di attesa.
Questo giovane così serio mi colpì fin da subito, poi capitò in un periodo quando a scuola stavamo affrontando la pianificazione di un progetto che riguardava il territorio di Lazzaro dal punto di vista storico e archeologico.
Capitò proprio a proposito perché sia io sia la collega Silvia Coppola incaricate dalla Dirigente Dott.ssa Caterina Autelitano di portare avanti questo progetto, capimmo che avevamo trovato la persona giusta e in grado di guidarci in qualità di Esperto.
E’ fu così che Saverio entrò nella mia scuola da collaboratore gratuito che offriva il suo contributo solo per il piacere di condividere le sue preziose conoscenze per l’amore verso questo territorio di appartenenza, collaborazione che è durata nel tempo e che ha prodotto lavori di cui sia io che lui andiamo orgogliosi.
Al primo progetto che fu premiato, seguì l’altro sull’urbanistica, quello sugli antichi mestieri e infine quello di quest’anno sull’esame di ben quattro civiltà che hanno onorato con la loro presenza Lazzaro e il suo territorio.
Naturalmente tutto è fattibile quando i destinatari cui sono rivolti i progetti, cioè gli alunni, sono attenti ed interessati a ricercare, ad ascoltare, a trasformare in competenze le conoscenze apprese.
Sia io che Saverio siamo contenti della risposta degli alunni nel tempo e in modo particolare delle classi dell’ultimo triennio che grazie ai progetti sono riusciti a socializzare tra di loro e a conoscere meglio la storia e la cultura del loro territorio di appartenenza, diventando un gruppo omogeneo e convinto del lavoro da portare avanti con tutto l’entusiasmo possibile.
Per me questo è l’ultimo anno d’insegnamento, la pensione mi aspetta ansiosa di ridisegnare la mia vita al di fuori di questo ambiente tanto bello quanto difficile a causa della responsabilità necessaria affinché l’insegnamento sia produttivo e generi dei cambiamenti.
Saverio da allora di strada ne ha fatta! Oggi è un professore, un collega, è uno studioso apprezzato e ormai ampiamente conosciuto nel panorama culturale che contribuisce costantemente, con i suoi studi, le sue ricerche, le sue pubblicazioni, a far conoscere la vera e grande storia della nostra terra.
Sono soddisfatta del lavoro svolto con la collaborazione di Saverio, di questo giovane tanto preparato quanto umile, che non ostenta la sua bravura ma che con la semplicità che lo contraddistingue, ha portato avanti insieme a me e a tutto l’Istituto Comprensivo Motta San Giovanni, lavori e studi sul territorio davvero belli ed interessanti riuscendo a coinvolgere i ragazzi che si sono arricchiti umanamente e culturalmente.
Ringrazio a nome dell’Istituto Comprensivo Saverio con cui continuerò sempre un bellissimo rapporto di amicizia improntata sul rispetto e sulla stima reciproca”.