Motta San Giovanni: “bruciate delle palme sul Lungomare di Lazzaro, gesto vile e senza senso”

palme bruciateUna scena che non avrei mai voluto vedere, sono rimasto immobile e senza parole davanti a due palme del Lungomare Cicerone di Lazzaro alle quali qualche mano senza cervello ha dato fuoco”. Questo il pensiero che a caldo l’Assessore Benedetto, Vice Sindaco del Comune di Motta San Giovanni, esterna nel commentare un gesto di puro vandalismo che si è verificato sulla Via Marina di Lazzaro. “ Credo che non ci sia nessuna giustificazione per quello che è stato fatto, anzi mi auguro che con l’aiuto delle autorità competenti si possa risalire ai colpevoli. Colpevoli di un’azione cattiva contro la natura, un’azione che mira a creare disordine, hanno voluto lasciare il segno su uno dei luoghi simbolo del nostro territorio, il Lungomare”. Con una certa partecipazione emotiva, continua Benedetto, “ qualcuno con facile critica potrebbe rimproverare a me ed all’ Amministrazione Comunale che in questo momento diverse zone del nostro paese meriterebbero una ripulita, compreso il Lungomare, accetto la segnalazione ma mi tocca precisare che stiamo facendo tutto il possibile che garantire un’attività ordinaria, abbiamo dovuto attingere dal Consorzio di Bonifica per avere qualche operaio e giardiniere, tutto il Comune in questo momento dispone solo di due operai e gli interventi necessari sono tanti, ma ugualmente si vedono buoni risultati; per il nostro amato Lungomare, balcone sullo stretto, abbiamo programmato la potatura di tutte le palme, la sistemazione di alcuni tratti di marciapiede ed il rimpiazzo di qualche punto luce; nel Comune abbiamo diversi cantieri aperti grazie ai finanziamenti ottenuti,  però il taglio dei trasferimenti statali non ci consente grande spesa corrente  ma vorrei ricordare che sin dall’inizio della nostra azione amministrativa ci sono state grandi attenzioni per il fronte mare, abbiamo speso 1 milione e 600 mila euro per la protezione costiera del Lungomare cicerone, oggi  diversi punti sono balneabili, 40 mila euro per la sostituzione di un tratto di ringhiera, gli interventi con le Ferrovie nella zona San Vincenzo, decine di interventi di pulizia degli accessi,  tante riparazioni dei guasti alla rete fognaria e costruzione del nuovo ed efficientissimo depuratore, forse non lasciare che la fogna vada a mare non è voler bene alla nostra spiaggia ed al nostro mare?”. “ Non riesco a comprendere quale motivo o soddisfazione abbia spinto gli esecutori ad un gesto cosi vile e diseducativo, è certo che ancora di più sono determinato ad esercitare le mie funzioni  e spendere tutte le risorse possibili per il bene comune e del nostro territorio fatto di gente sana che deve ripudiare queste azioni, ed a tal fine mi attiverò anche per coinvolgere nella discussione e nella risoluzione dei problemi tutte le associazioni, comitati e cittadini che in prima persona vogliano lavorare fianco a fianco per far compiere i passi giusti alla nostra comunità”.