Messina-Reggina 0-1, arrestati 8 tifosi del Messina, il San Filippo rischia una lunga squalifica [FOTO e VIDEO]

Messina-Reggina 0-1, la Polizia ha arrestato 8 tifosi del Messina ritenuti responsabili dei tafferugli di ieri allo stadio

LaPresse/Francesco Saya

LaPresse/Francesco Saya

Se martedì al Granillo era filato tutto liscio con un derby che era stato soltanto una gran bella festa di sport, ieri a Messina i tifosi di casa hanno dato vita ad uno spettacolo poco edificante. Spranghe, cinture, pietre, fumogeni e bombe carta sono gli strumenti utilizzati ieri allo stadio San Filippo dagli ultras messinesi protagonisti di accesi tafferugli al termine della gara. Otto le persone arrestate fin’ora dalla Polizia di Stato, a seguito di indagini ancora in corso. Alcuni tifosi hanno tentato un agguato ai pullman dei tifosi amaranto, che sono rimasti fermi a lungo in autostrada, scortati dai carabinieri. Altri hanno lanciato delle pietre nei pressi dell’autogrill all’uscita autostradale di Tremestieri. In campo, invece, ferito uno steward del Messina dai colpi di cinghia di alcuni facinorosi che tentavano di entrare in campo a fine gara. Il San Filippo rischia una lunga squalifica per il continuo lancio di fumogeni che ha fatto sospendere più volte una partita conclusa con 35 minuti di ritardo rispetto al programma. Ulteriori dettagli saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa che si terrà in Questura oggi alle ore 11.30.