Messina, processo “Oro grigio”: nessuna revisione della sentenza in appello

I tre protagonisti dell’inchiesta nuovamente condannati

tribunale messinaGiuseppe Fortino, Antonino Ponzio e l’ex presidente del Consiglio Comunale Umberto Bonanno sono colpevoli e, pertanto, le pene stabilite in primo grado devono essere confermate. E’ questa la sentenza che si è abbattuta sui tre protagonisti dell’inchiesta “Oro grigio” e che ha portato il Giudice Francesco Tripodi a confermare le condanne a quattro anni e sei mesi per gli imputati. Riconosciute, invece, le attenuanti generiche per i costruttori Antonino Smidile, Giovanni Arlotta e Giovanni Magazzù: per loro un anno e dieci mesi di reclusione, una condanna più lieve rispetto al primo verdetto emesso dalla Corte. Assolto per non aver commesso il fatto l’intermediatore Santi Magazzù.