Messina, polemica su “La Dolce Vita”: un’inchiesta accende i riflettori sul locale del presidente della Confcommercio

La bufera si è scatenata attorno al gazebo collocato a Piazza Duomo: è abusivo?

dolce-vita messinaUn’inchiesta realizzata da Michele Schinella rischia di far scoppiare un caso attorno ai vertici della Confcommercio cittadina. Secondo il giornalista, infatti, il presidente di tale realtà, Carmelo Picciotto, non pagherebbe da anni il canone di occupazione del suolo pubblico per il proprio locale, “La Dolce Vita“, sito nella centralissima Piazza Duomo.

Il provvedimento di revoca della concessione, firmato dal dirigente del Patrimonio Natale Castronovo è datato 5 marzo del 2014. Il Tribunale amministrativo regionale, il 26 settembre del 2014, l’ha ritenuto legittimo. Dello stesso segno la pronuncia del 28 gennaio 2015 del Consiglio di Giustizia amministrativa” scrive Schinella citando gli atti. L’Amministrazione comunale, frattanto, fa spallucce dichiarando di non essere a conoscenza del caso o promettendo un intervento imminente.

Picciotto, da par suo, nella serata di ieri ha pubblicato su Facebook un commento laconico, forse correlato alla vicenda: “alcune cose mi fanno ridere talmente tanto, che stasera alcune persone mi hanno detto che il sorriso è un’arma. Poi qualcuno mi ha chiesto se ho il porto d’armi“.