Messina, le parole di Papa Francesco fra incubo e speranza: appuntamento al Palacultura

Il 29 maggio Messina ospiterà il vaticanista Luigi Sandri

luigi-sandriL’associazione “Piccola Comunità Nuovi Orizzonti” ospita venerdì 29 maggio, alle 18.00, al Palacultura, il giornalista vaticanista Luigi Sandri per un incontro intitolato “Già nella Terza Guerra mondiale? Le affermazioni di Papa Francesco tra incubo e speranza”. Modera il confronto il giornalista Marcello Mento. I saluti iniziali arriveranno dall’associazione Baobab. Luigi Sandri è stato corrispondente dell’Ansa a Tel Aviv e Mosca, collabora con varie testate, è vaticanista per la rivista “Confronti” ed è accreditato alla Sala Stampa della S. Sede per l’Agenzia del Consiglio ecumenico della Chiesa di Ginevra. Ha scritto numerosi libri. L’ultimo, “Dal Gerusalemme I al Vaticano III”, sarà anche presentato a Messina giovedì 28 maggio. Il titolo dell’incontro prende lo spunto da una frase pronunciata da Papa Francesco di ritorno dal suo viaggio in Corea del Sud ed è un’occasione per riflettere sulla situazione generale del nostro pianeta dilaniato da guerre “spezzettate”, originate da interessi distanti dai luoghi in cui esse avvengono. Ed è anche un’occasione imperdibile per ragionare insieme sul ruolo che oggi la Chiesa deve assumere nei confronti del mondo contemporaneo e per affrontare il tema della continuità o discontinuità con il Vaticano II, alla luce delle speranze suscitate dall’elezione di Papa Francesco, che fa pensare ad una non irrealistica possibilità di un nuovo Concilio che porti a compimento le istanze di rinnovamento già iniziate con il Vaticano II.