Messina, senza luce e tra i rifiuti: serve decoro per il Quinto quartiere

Le denunce dei consiglieri circoscrizionali rivelano lo stato di abbandono di alcune zone cittadine

senza luceL’ombra del degrado aleggia sulla Quinta circoscrizione. Il consigliere di quartiere Paolo Barbera aveva già denunciato in passato le condizioni in cui versa la contrada Conca d’Oro, evidenziando come la presenza massiccia di migranti avesse incrementato il tasso di rifiuti prodotti costituendo, di fatto, delle discariche a cielo aperto. A pagarne lo scotto, ovviamente, erano e sono i cittadini. Per questa ragione, sollecitando nuovamente l’Amministrazione, Barbera ha chiesto non soltanto un intervento di pulizia straordinaria, ma di verificare se il gestore del Centro Sportivo Primo Nebiolo “garantisca ai rifugiati ospitati i mezzi di sussistenza previsti dai regolamenti che normano la materia ed, in particolare, il vestiario di prima necessità adeguato al fattore stagionale“. I diversi contenitori per gli indumenti presenti lungo il viale Annunziata risultano infatti forzati, da qui i sospetti dell’esponente circoscrizionale.

Sempre nel V° Quartiere il vice-presidente del Consiglio Comunale, Nino Interdonato, e il vice-presidente della Circoscrizione, Franco Laimo, hanno evidenziato l’assenza d’illuminazione pubblica lungo il viale della Libertà, nella zona Ringo/Parco Belfiore. Il disagio, segnalato ai tecnici del competente dipartimento, non è stato sistemato a causa di una “fitta e massiccia presenza di blatte nel vano pozzetto ove risulta esservi il guasto tecnico“. Le condizioni igienico sanitarie impongono pertanto un intervento preliminare di deblattizzazione. Anche su questo versante la Giunta dovrà dare risposte.