Messina, la Cgil contro Accorinti: “quanta approssimazione…”

Il segretario generale condanna l’operato della Giunta dopo la querelle degli asili nido

lillo oceano e susanna camussoTra l’aumento delle rette degli asili nido comunali e i guai combinati per le mense scolastiche, il Comune di Messina non sta passando un momento felice. I finanziamenti persi hanno fatto gridare allo scandalo molti osservatori. Fra questi c’è anche la Cgil di Messina: il segretario generale, Lillo Oceano, ha parlato apertamente di “approssimazione amministrativa“, contestando le scelte economiche della Giunta che “stanno penalizzando i cittadini messinesi e in particolar modo quelli più deboli: bambini, anziani, nuclei familiari indigenti e a basso reddito“. Secondo Oceano vige a Palazzo Zanca una beata incomprensione della necessità dei servizi offerti, aggravata – per di più – dall’incapacità di trovare soluzioni amministrative alternative. Da qui la richiesta di un confronto, pena il rischio di marginalizzare “fasce sempre più ampie di cittadinanza con la conseguente crescita di una sensazione di esclusione, che non può che generare una comprensibile reazione sociale“.