Kenya, centinaia di prostitute per la beatificazione di una suora italiana: “anche i cristiani hanno bisogno di sesso”

In occasione dell’arrivo dei cristiani per la beatificazione di Suor Irene Stefani le prostitute aspettano “potenziali clienti”

Senator Reid Calls For An End To Legal Brothels in NevadaCentinaia di prostitute si sono riversate nella città keniota di Nyeri, situata 150 chilometri a nord di Nairobi, in vista della cerimonia di beatificazione della suora italiana Irene Stefani, il prossimo 23 maggio, che richiamerà in città oltre 300.000 pellegrini. Stando a quanto riportato dal quotidiano keniota The Star, le prostitute hanno prenotato stanze di albergo con due settimane di anticipo rispetto alla cerimonia. “Anche i cristiani hanno bisogno di sesso“, ha detto una di loro, sottolineando che “è il nostro turno di fare soldi, stiamo aspettando i visitatori stranieri“. Un esponente politico locale, John Marete, ha ammesso che la città è piena di “volti nuovi”, mentre un prete cattolico locale ha invitato la popolazione a “non farsi distrarre da cose terrene”. Irene Stefani, delle Missionarie della Consolata, morì di peste nel 1930; infermiera, aveva aiutato i feriti della I Guerra Mondiale in Kenya e in Tanzania. I locali la chiamavano Nyaata, ossia madre misericordiosa.