Inaugurazone della caserma dei carabinieri nella villa del boss Riina. Rosanna Scopelliti: “segno concreto della forza dello stato”

Scopelliti: “apprendo con viva soddisfazione dell’inaugurazione della nuova caserma dei Carabinieri a Palermo, in quello che è stato l’ultimo rifugio del boss mafioso Totò Riina”

Rosanna_Scopelliti_Intervista_Candidata_Pdl_01“Apprendo con viva soddisfazione dell’inaugurazione della nuova caserma dei Carabinieri a Palermo, in quello che è stato l’ultimo rifugio del boss mafioso Totò Riina, fino all’arresto avvenuto nel 1993”. A dichiararlo, in una nota, l’On. Rosanna Scopelliti, capogruppo NCD alla Commissione Difesa della Camera dei Deputati e Presidente del Comitato Beni Confiscati della Commissione Parlamentare Antimafia. “E’ una risposta – ha continuato la parlamentare – forte, significativa e concreta che lo Stato ha voluto dare ribadendo, finalmente in maniera non solo simbolica, la sua sovranità nel territorio che la mafia avrebbe preteso come “cosa sua” “. “Insediare in quel luogo che fu di mafia un presidio di legalità quale la caserma dei Carabinieri, e ancor di più intitolarla al maresciallo Mario Trapassi e all’appuntato Salvatore Bartolotta, medaglie d’oro al valor civile, trucidati nell’attentato in cui perse la vita il giudice Rocco Chinnici – ha sottolineato Rosanna Scopelliti – assume dunque un significato importante in quella che vuole essere la direzione, netta, nell’azione repressiva di contrasto alle mafie, da una parte attraverso il ricordo di chi con coraggio si è sacrificato perdendo il dono più importante, la sua stessa vita, e dall’altra verso un impegno ancora più incisivo e diretto della politica, delle forze dell’ordine e dei cittadini in questa battaglia”. “Da figlia di vittima di mafia e da cittadina impegnata in politica – ha concluso la parlamentare – esprimo dunque i miei sentimenti di più profonda gratitudine alle Istituzioni Civili, all’Arma dei Carabinieri e a tutti coloro i quali hanno reso possibile questo bellissimo segnale di cambiamento e di presenza, tangibile dello Stato”.