Imprenditore deferito nel reggino per inosservanza degli obblighi del datore di lavoro

L’imprenditore reggino è stato deferito per aver omesso di osservare le dovute cautele in tema di sicurezza

OperaioA Staiti, a seguito di mirati controlli in un cantiere, i Carabinieri della locale Stazione unitamente a quelli del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Reggio Calabria, hanno deferito in stato di libertà, per “inosservanza degli obblighi del datore di lavoro”, un imprenditore di Benestare poiché – in qualità di legale rappresentante dell’impresa aggiudicataria dei lavori pubblici volti alla riqualificazione di alcune vie di quel centro storico nell’ambito del progetto integrato di sviluppo locale POR Calabria – ha omesso di osservare le dovute cautele in tema di sicurezza, non rispettando le previste istruzioni d’uso e non sottoponendo ad idonea manutenzione una betoniera “a bicchiere”, ivi utilizzata.

Nello stesso contesto, quei Carabinieri hanno elevato a carico della ditta ingenti sanzioni amministrative di natura economica ed hanno disposto la sospensione immediata dell’attività imprenditoriale, poiché il numero dei lavoratori “in nero” impiegati in quei lavori è risultato essere superiore al limite imposto dalla legislazione vigente, ovvero il 20% del totale (2 su 4, ovvero ben il 50%).