Immigrazione: sbarcati al porto di Roccella i migranti soccorsi ieri, anche 10 bimbi

 LaPresse/Di Grazia

LaPresse/Di Grazia

Sono giunti nel porto di Roccella Ionica all’alba, i migranti soccorsi ieri a 80 miglia dalla costa calabrese mentre viaggiavano su un vecchio peschereccio di una ventina di metri che imbarcava acqua. Si tratta di 231 persone, tra le quali 37 donne e dieci bambini uno dei quali di pochi mesi, in prevalenza provenienti da Sudan ed Eritrea. A condurli in porto le motovedette della Guardia costiera di Roccella Ionica e Reggio Calabria e quelle della Guardia di finanza del Reparto operativo aeronavale di Vibo Valentia che li hanno presi a bordo al largo. Le condizioni dei migranti sono complessivamente buone. Solo una donna e’ stata ricoverata in ospedale a scopo precauzionale dopo un lieve malore. In porto personale della Capitaneria, della Guardia di finanza, della polizia e carabinieri, oltre a medici e associazioni di volontariato, ha prestato la prima assistenza. I migranti saranno trasferiti in una struttura messa a disposizione dal Comune e assistiti dall’associazione di protezione civile Aniello Ursino. Il peschereccio sul quale viaggiavano e’ stato individuato nel tardo pomeriggio da un aereo del dispositivo Frontex ad un centinaio di miglia dalla costa calabrese. In zona sono state inviate le motovedette che hanno provveduto a trasbordare i migranti. Il peschereccio e’ stato lasciato alla deriva visto che, imbarcando acqua, non era trainabile