La Grande Guerra a Messina: raccontare per non dimenticare [FOTO]

A Forte Cavalli la commemorazione nel Centenario della Prima Guerra Mondiale

204 FORTE CAVALLICon una partecipata Cerimonia, domenica 10 maggio, nel Centenario dell’ingresso dell’Italia nella Prima Mondiale, sono state ricordati a Forte Cavalli i 1.400 messinesi caduti e dispersi nella Grande Guerra e le 2.000 vittime degli affondamenti causati dai siluramenti dei sottomarini germanici nel 1917-18 nello Stretto di Messina.

Il presidente dell’Assemblea Regionale, alla presenza di numerose autorità e di una folto pubblico, ha deposto una corona di alloro ai piedi del Monumento ai Caduti posto nella Piazza d’Armi della Fortezza umbertina, accompagnato dalle note del “Piave” e del “Silenzio d’ordinanza”.

I lavori sono iniziati coi i saluti del dott. Michele Cerami, Direttore del Centro Studi e Documentazione “Forte Cavalli” e del prof. Vincenzo Caruso, Direttore del Museo e Presidente dell’Associazione “Comunità Zancle – ONLUS”, concessionaria del Forte, hanno presentato il proprio contributo alla Conferenza “Per ricordare. Per non dimenticare”.

203 FORTE CAVALLIL’on. Giovanni Ardizzone ha inaugurato a Forte Cavalli, il primo degli appuntamenti commemorativi per la Grande Guerra promossi dall’Assemblea Regionale e dall’Assessorato ai Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, patrocinato dalla Fondazione Bonino Pulejo e dall’Istituto di Studi Storici “G. Salvemini”, previsti dal calendario regionale, nel quale figurano anche le città di Catania, Siracusa e Palermo. L’on. Anthony Barbagallo, deputato regionale e promotore della recente Legge approvata dall’ARS per la tutela del patrimonio regionale sulla Grande Guerra, ha aperto i lavori, lasciando poi spazio al dott. Giuseppe Mazzaglia, presidente del “Comitato Spontaneo per il censimento e la valorizzazione dei luoghi siciliani legati alla Grande Guerra”, di cui Forte Cavalli rappresenta, a nome di tutti i Forti umbertini, il Luogo della Memoria di un territorio dichiarato nel settembre del 1917 “In stato di guerra”.

Significativi i tre interventi, a seguire, del prof. Giulio Santoro che ha illustrato la tipologia dei sottomarini germanici e il tipo di offesa che hanno portato nello Stretto con i loro siluri, i cannoni da superficie e la deposizione di mine sulle rotte di navigazione; del prof. Santi Fedele, docente dell’Università di Messina che, dopo aver portato i saluti del Rettore, ha non solo ricordato brevemente la figura di Giacomo Matteotti, soldato in servizio nel 4° Reggimento Artiglieria da Fortezza presso i Forti messinesi con una prolungata presenza a Forte Cavalli, ma si è soffermato su una puntuale rilettura pedagogica della Grande Guerra, nei suoi risvolti e nelle sue ricadute politiche e sociali; 202 FORTE CAVALLIdel dott. Luigi Giacobbe, in rappresentanza del Soprintendente, che ha presentato il lungo lavoro per la pubblicazione del volume sui Monumenti ai Caduti della Grande Guerra, presenti nei Comuni della provincia di Messina.

Al termine dell’incontro, l’on. Ardizzone, il Vice Prefetto dott.ssa Ruggeri e il Comandante del 5° Reggimento “Aosta”, col. Benito Anastasio, hanno tagliato il nastro inaugurale della Mostra “La Grande Guerra a Messina”, allestita in una nuova sala del Museo dove, in maniera permanente, è stato messo a disposizione di quanti hanno perso i propri cari al fronte,  l’elenco dei 1400 messinesi dispersi nel 1915-18, che è stato curato da Guglielmo Panebianco.