Giovani di Reggio per la Conferenza Europea di Bruxelles sul No Hate Speech Movement

L’attivismo giovanile contro il discorso d’odio, online e offline, e la prevenzione verso ogni forma di radicalismo ed estremismo

487767_123012447886334_700251423_nL’attivismo giovanile contro il discorso d’odio, online e offline, e la prevenzione verso ogni forma di radicalismo ed estremismo. Questi, i temi centrali della High Level Conference “Tolerance is stronger than hate speech – The fundamental values of the Council of Europe provide an answer to polarisation”, incontro che si svolgerà a Bruxelles il prossimo 8 maggio, organizzato dalla Presidenza Belga del Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa. Durante la Conferenza, i delegati nazionali dei 47 Stati membri del Consiglio d’Europa e gli Stati aderenti alla European Cultural Convention, si confronteranno con rappresentanti del mondo giovanile europeo, attivisti del No Hate Speech Movement, membri dei National Campaign Committees, rappresentanti del mondo dei media e dei social media ed esperti negli ambiti di interesse del Consiglio d’Europa ed elaboreranno delle raccomandazioni per contrastare il discorso d’odio. Le conclusioni, basate su azioni concrete e buone pratiche, saranno presentate il 19 maggio  durante la Ministerial Session a conclusione della Presidenza Belga e integreranno il futuro Piano d’Azione del Consiglio d’Europa sul tema del “no hate speech”. Per garantire la partecipazione diretta dei giovani ai lavori della Conferenza, tra i 400 partecipanti è previsto il coinvolgimento di un gruppo di 50 giovani provenienti da tutta l’Europa, selezionati sulla base delle azioni realizzate nell’ambito del No Hate Speech Movement, online e offline, e dell’attivismo dimostrato a sostegno degli obiettivi della Campagna: il gruppo che rappresenterà i giovani d’Europa parteciperà al Preparatory Seminar a Bruxelles il 7 maggio, durante il quale saranno presentate le varie esperienze e i risultati ottenuti, le buone pratiche e le proposte, in vista della Conferenza del giorno successivo. Tra i 50 giovani selezionati, ci sarà anche l’attivista reggina Alessandra Coppola che, assieme ai giovani dell’Associazione APICE, ha aderito alla Campagna durante una iniziativa del Consiglio d’Europa a Strasburgo, promuovendo successivamente eventi e attività a Reggio Calabria, tra cui “I AGREE- REGGIO CALABRIA FOR NO HATE SPEECH MOVEMENT. SAFER INTERNET FOR SAFER USERS”, svoltosi il 13 febbraio 2015, in collaborazione con AGI 2000 e La Provvidenza ONLUS, e “NO RACE, NO HATE. DA REGGIO CALABRIA ALL’EUROPA. Attivismo Giovanile contro il Razzismo e le Discriminazioni”, tenutosi nei giorni 19 e 20 marzo 2015, in partenariato con Europe Direct Reggio Calabria e con il Patrocinio del Consiglio d’Europa. Attività contro il razzismo e la discriminazione, che saranno riproposte, in forma di laboratorio, in occasione della Festa dell’Europa che si terrà a Reggio Calabria dal 9 al l’11 Maggio 2015 presso Piazza Italia, in concomitanza con la European Youth Week. Grazie a queste azioni, al coinvolgimento di altri giovani attivisti italiani, di studenti delle scuole superiori e di un network di organizzazioni, tra cui In Progress Calabria e il Forum della Gioventù di Santa Maria la Carità, Alessandra Coppola prenderà parte al Preparatory Seminar e alla High Level Conference, portando in ambito europeo la voce e le proposte di una gioventù che si impegna attivamente per la tutela dei diritti umani, a partire dai propri contesti locali, ma operando in rete con il resto dei giovani d’Italia e d’Europa, a testimoniare che la partecipazione giovanile in seno al Consiglio d’Europa non è una prerogativa di pochi, ma un’opportunità di tutti. Da Reggio Calabria all’Europa!