Giochi Sportivi Studenteschi: la Calabria (della vela) è Campione d’Italia

La Calabria è Campione d’Italia nei Giochi Sportivi Studenteschi di vela. Dopo una combattutissima regata con l’agguerrito equipaggio della regione Friuli che si è rivelato il più temibile, la Calabria conquista il titolo di campione d’Italia

vela

La Calabria è Campione d’Italia nei Giochi Sportivi Studenteschi di vela.

Dopo una combattutissima regata con l’agguerrito equipaggio della regione Friuli che si è rivelato il più temibile, la Calabria conquista il titolo di campione d’Italia. A conseguire il risultato sono stati i velisti dell’Istituto Comprensivo A. Rosmini” di Crotone guidati dal Prof. Giuseppe Elia che hanno dato alla nostra Regione e alla FIV la gioia di conquistare il gradino più alto del podio. Per la vittoria è stata determinante l’esperienza del timoniereGiuseppe Congi, atleta della Lega Navale Italiana di Crotone, mentre l’equipaggio era formato da  Lorenzo MarelliNicolò Bellassaie, Stefano Abruzzo. “La FIV esprime tutta la soddisfazione e l’orgoglio per questo importante risultato – dichiara il Presidente della FIV VI Zona avv. Fabio Colella - e attende di poter premiare degnamente i campioni appena tornati in Calabria. La vela nella nostra regione vive un momento di forte crescita anche se tutto lo Sport vive sotto il segno dell’“austerity”. L’iniziativa, grazie ai progetti messi in campo dalla Fiv con il Ministero della Istruzione, crescerà ulteriormente nell’arco dei prossimi anni. È così che nostri giovani imparano quanto il mare e la navigazione abbiano influito nella storia della civiltà e come la società moderna dipenda dai trasporti marittimi di merci. Dopo un primo approccio nella scuola, l’attività continua nei Circoli Velici FIV attraverso la conoscenza delle barche e l’apprendimento delle tecniche per condurre una barca a vela. La vela è lo sport ecologico per eccellenza –- conclude il presidente Colella – utilizza il mare, il vento le onde e le correnti senza offendere la natura, insegna ad essere autonomi e stimola la coesione fra i membri dell’equipaggio.”