Furto e terrore: fermata la banda che due anni fa spaventò una famiglia messinese

Decisiva, a suo tempo, la collaborazione della domestica, basista dell’operazione

rapinaCi sono voluti due anni ma alla fine la banda che aveva terrorizzato una famiglia residente in via Principe Umberto è stata stanata dalle forze dell’ordine: ai fermi di Consolato Campagna e Domenico Batessa è seguito il giudizio immediato per altri tre effettivi della cellula criminale, due stranieri ed il messinese Stefano Guccione. I cinque, di comune intesa, avevano concordato con la domestica che lavorava in loco le vie più sicure per eludere la vigilanza. Dopodiché i malviventi, sotto le mentite spoglie dei dipendenti Enel, avevano terrorizzato il nucleo familiare immobilizzando le persone e trafugando i preziosi. Adesso si attende la celebrazione del giudizio, fissata per il mese di Ottobre.