“Come mai lo svincolo di Roghudi non è stato inserito nell’intervento di messa in sicurezza della SS106 Reggio/Melito?” [FOTO]

DSC00238 (Medium)Nonostante i numerosi incidenti, talvolta anche mortali, che si continuano a registrare al bivio per Roghudi lo svincolo ancora mantiene un alto indice di pericolosità. Tale stato di fatto ha spinto la scrivente associazione a chiedere all’ANAS e al Comune di Roghudi  di far conoscere la classificazione del tratto di Ss 106 compreso tra il Km. 29+00 e il Km 29+VII, nonché l’Ente in capo al quale ricade la gestione, la manutenzione del piano viabile, con particolare riferimento al tratto ove ricade il sottopasso  per Roghudi.  Lo afferma in una nota  Gaetano Pace, Presidente dell’Associazione “Amici di Raffaele Caserta”

Contestualmente è stato invitato l’Ente competente a voler adottare gli urgenti provvedimenti finalizzati alla messa in sicurezza dello svincolo evidenziando che da semplici utenti della strada si riscontra che il guard rail si presenta in diversi punti danneggiato dagli urti dei veicoli che periodicamente vi sbattono, quindi oltre che pericoloso è inutile, visto  che non è più in grado di contenere il peso di un’auto in sbandata, ancor meno quello di un autobus o di un più leggero, quale un  camper. E’ stata sottolineata la necessità di procedere al taglio di quella parte di vegetazione che si estende nella sottostante strada comunale e che in alcuni tratti sembrerebbe ridurre la visibilità. Atteso che sono in corso, anzi quasi conclusi, i lavori per la messa in sicurezza del  tratto di Ss 106 tra i Km 6+700 (Reggio C.) e 31+600 (Melito P.S.) 2^ STRALCIO  non si comprende  come sia possibile che in tale intervento non sia stato incluso il bivio per  Roghudi anche alla luce, come anzidetto, dei gravissimi incidenti talvolta anche mortali che periodicamente si registrano.