Calabria: firmato un accordo per l’assunzione di 1.000 giovani nel settore ambientale e del ciclo dei rifiuti

Firmato accordo per l’assunzione di giovani nel settore ambientale e del ciclo dei rifiuti

lavoroGaranzia giovani non e’ certo la panacea, ma uno strumento e come tale deve essere ampiamente utilizzato per affrontare due delle questioni drammatiche della nostra regione: lavoro e rifiuti“. Cosi’ il presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio, ha presentato l’accordo firmato con Unindustria che prevede l’assunzione di mille giovani, a seguito dei percorsi di tirocinio formativo, nelle imprese del settore ambientale e del ciclo dei rifiuti. Un progetto “che si lega ad un problema della nostra terra e si collega ad un’idea di sviluppo- dice Oliverio- tutto cio’ in un contesto in cui a livello nazionale, quando siamo partiti, si voleva la Calabria all’ultimo posto. Bisogna uscire da una condizione da terzo mondo per metterci al passo con l’Europa. Molto prima dei quattro anni arriveranno i risultati e profondi cambiamenti perche’ in Calabria abbiamo bisogno di recuperare la cultura delle regole e mettere fuori piano la discrezionalita’, senza dimenticare che anche coloro che gridano al cambiamento sono stati beneficiati dalla situazione che c’era prima. Siamo su un binario a velocita’ costante. Oggi abbiamo aperto un canale di lavoro e pensiamo di costruire una stazione. Partire dalle macerie e’ molto piu’ difficile che partire da zero. Abbiamo dovuto bonificare il terreno prima di mettere le fondazioni e c’e’ bisogno di palificazioni profondissime”. “Sarebbe stato bellissimo dire: mi scelgo i direttori generali- continua Oliverio- Purtroppo non sara’ cosi’ ma entro il venti maggio prossimo ci saranno cambiamenti. Siamo amministratori ed abbiamo una bussola che e’ quella del bene comune e stiamo predisponendo un piano anticorruzione che ci consentira’ di operare una fortissima rotazione perche’ non si puo’ stare vent’anni sempre nello stesso posto“. La risposta al piano d’azione Garanzia giovani vede gia’ 4.888 aziende registrate che hanno dato la loro disponibilita’ a collaborare, 203 operatori privati accreditati che faranno incontrare le imprese con i giovani e 2.965 giovani iscritti. Alcune di queste aziende hanno dato subito la disponibilita’ a fare assunzioni senza i tirocini. “Gia’ dalla prossima settimana- ha detto l’assessore al Lavoro, Carlo Guccione- faremo un accordo con le universita’ calabresi perche’ bisogna mettere a frutto questo tipo di concertazione che possa portare a risultati concreti in quanto e’ questo cio’ che si aspettano i calabresi“. Il presidente di Unindustria, Natale Mazzuca, si e’ detto “molto soddisfatto perche’ e’ stato avviato un discorso con questo governo regionale. Partiamo da due emergenze: lavoro e rifiuti. Bisogna incentivare la raccolta differenziata in tutti i Comuni e come imprenditori ci siamo perche’ non vogliamo abbandonare questa terra. Bisogna fare le cose in maniera eclatante ed anche scontentando qualcuno perche’ una minoranza non puo’ condizionare un’intera collettivita’ che vuole andare avanti“.